(REUTERS)

Chiaro no a burqa e niqab in Ticino

Il 65% dei ticinesi a favore dell'iniziativa contro la dissimulazione del viso. No alla modifica della legge sull'esecuzione delle pene

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il popolo ticinese è favorevole al divieto di burqa e niqab, e lo ha espresso oggi dicendo un chiaro sì all'iniziativa di Giorgio Ghiringhelli per il divieto della dissimulazione del viso in pubblico . Il 65% dei votanti si è detto a favore dell'iniziativa, mentre il 59,8% ha aderito al controprogetto. La maggioranza dei votanti ha però dato la propria preferenza all'iniziativa nella domanda eventuale (52,4 contro 36,7%).

La modifica alla Costituzione ticinese, approvata oggi, prima di diventare effettiva dovrà ottenere l’avvallo del Parlamento federale.

Respinto col 58% dei voti l'altro oggetto in consultazione cantonale: la modifica della legge sull'esecuzione delle pene e delle misure per gli adulti , che proponeva una parziale apertura ai privati per la sorveglianza dei detenuti.

 

RedMM


 

Agenzie private per la sorveglianza di stranieri: 14'370 schede bianche

La modifica della legge sull'esecuzione delle pene e delle misure per gli adulti, che avrebbe dato la possibilità al Governo di far capo ad agenzie private per la sorveglianza di stranieri con misure amministrative, non ha suscitato molto l'interesse dei ticinesi. O forse gran parte della popolazione non aveva per niente le idee chiare su cosa votare. A dimostrarlo è il fatto che ben 14'370 persone che si sono recate alle urne hanno deciso di votare scheda bianca (per gli altri oggetti in votazione domenica le schede bianche sono state al massimo 4'813).

Condividi