Tanja Grandits con il grigionese Andreas Caminada, che prima di lei aveva ricevuto lo stesso riconoscimento
Tanja Grandits con il grigionese Andreas Caminada, che prima di lei aveva ricevuto lo stesso riconoscimento (keystone)

Il cuoco dell'anno è una donna

Premiata Tanja Grandits dello Stucki di Basilea; è la prima volta di una signora - VIDEO

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Venti anni fa Irma Dütsch aveva dovuto dividere il premio con due uomini, ora Tanja Grandits trionfa in solitaria: per la prima volta il cuoco dell'anno in Svizzera è infatti una donna, la 43enne regina dei fornelli dello Stucki di Basilea.

"Le sue creazioni hanno una firma inconfondibile e impossibile da copiare", secondo la guida GaultMillau, che lunedì ha assegnato il riconoscimento (per il 2014) e la ha attribuito 18 punti su 20. La Grandits "è una degna rappresentante della nuova generazione", "gira il mondo e si ispira agli aromi e ai prodotti che scopre", spiegano gli esperti. Nata a Albstadt, nel sud della Germania, la Grandits ha imparato il mestiere a Baiersbronn, poi a Londra, nel sud della Francia e a Eschikofen.

Alla testa della classifica nazionale rimangono sei cucine da 19 punti, quelle di Benoît Violier a Crissier, di Andreas Caminada a Fürstenau, di Philippe Chevrier a Satigny, di André Jaeger a Sciaffusa, di Didier de Courten a Sierre e di Bernard Ravet a Vufflens-le-Château. Fra quanti arrivano a 18 c'è Othmar Schlegel del Castello del Sole ad Ascona, il "promosso ticinese dell'anno", mentre ne ottiene 17 Rolf Fliegauf dell'Ecco, sempre ad Ascona. Fra le scoperte ce n'è anche una nei Grigioni, Manuel Reichenbach del Casa Tödi di Trun.

PON/ats


 

Edizione in dicembre

La prossima edizione della guida gastronomica per la Svizzera uscirà in dicembre e recensirà 856 ristoranti, 94 dei quali faranno la loro prima apparizione. A 96 tavole è stato attribuito un punto in più, a 43 ne è stato tolto uno.

Condividi