È morto l'architetto Aurelio Galfetti

TG 12:30 di lunedì 06.12.2021

È morto l'architetto Aurelio Galfetti

Classe 1936, esponente della "Scuola ticinese", è stato co-fondatore dell'Accademia di architettura di Mendrisio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si è spento la scorsa notte a Bellinzona l'architetto Aurelio Galfetti. Classe 1936, nato e cresciuto a Biasca, dopo la maturità al Liceo di Lugano nel 1954, consegue il diploma di architetto al Politecnico federale di Zurigo nel 1960 con il prof. Paul Waltenspühl. La notizia della scomparsa di Galfetti ci è stata confermata dalla famiglia.

RG 12.30 del 06.12.21: il servizio di Francesca Torrani
RG 12.30 del 06.12.21: il servizio di Francesca Torrani
 

Tra il 1962 e il 1980 collabora con gli architetti della cosiddetta "scuola ticinese" Mario Botta, Ivano Gianola, Flora Ruchat, Luigi Snozzi, Rino Tami, Ivo Trümpy e Livio Vacchini. Nel 2007 ha creato uno studio anche in Italia, a Padova, insieme all'ingegnere Luciano Schiavon.

Alla sua attività di architetto, dal 1984 affianca l'impegno didattico. Insegna in qualità di professore invitato al Politecnico Federale di Losanna e all'UP8 di Parigi; nel 1996, insieme a Mario Botta fonda l'Accademia di Architettura di Mendrisio, nella quale ha ricoperto il ruolo di direttore e di responsabile per il ciclo Master per l'Architettura del Territorio.

Fra le sue opere più note in Ticino ricordiamo a Bellinzona il Bagno pubblico, il Palazzo della Posta e il restauro del Castelgrande di Bellinzona, in Svizzera la Torre di Losanna e all’estero la Biblioteca di Chambery, in Savoia, la Torre di Padova, oltre a edifici in Olanda e in Grecia. A Galfetti sono stati dedicati studi e saggi in varie lingue su pubblicazioni e libri di vario genere, oltre a documentari televisivi.

Innumerevoli, poi, sono i riconoscimenti nazionali e internazionali che il suo lavoro ha ottenuto nel corso di quasi sessant’anni di carriera, come ricordato a Rete Due da Memorie del Presente. "Uomo timido e schivo - scrive Matteo Bellinelli - ha preferito appartarsi e lavorare in silenzio, convinto che a guidare la mano e il progetto di un architetto debba essere l’etica". Di lui l’amico Mario Botta ha scritto: "Aurelio Galfetti ha saputo trasformare un mestiere in una vocazione".

Di recente ha pure guidato il team interdisciplinare che ha realizzato il progetto della nuova sede bellinzonese dell'Istituto di ricerca in biomedicina e dell'Istituto oncologico di ricerca, inaugurato alla fine di novembre.

OMAGGIO IN TV

La puntata del Gioco del Mondo con Aurelio Galfetti ospite di Maurizio Canetta, disponibile nel Play RSI, sarà trasmessa oggi, lunedì su RSI LA 2 alle 22.15

Aurelio Galfetti

Aurelio Galfetti

Gioco del Mondo del 19 maggio 2013

Aurelio Galfetti

Aurelio Galfetti

Memoria del presente (a c. di Matteo Bellinelli)

 
civi
Condividi