Il consigliere di Stato Claudio Zali (© Ti-Press / Elia Bianchi)

A2-A13, la delusione del Ticino

Zali dopo la bocciatura della bozza del collegamento da parte dell'USTRA: "Sono sorpreso perché il progetto era condiviso"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In Ticino c'è sorpresa e delusione per la bocciatura del progetto A2-A13, il nuovo tracciato autostradale pensato per liberare dal traffico il piano di Magadino. Giovedì, l'Ufficio federale delle strade (USTRA) ha fatto sapere di dover rimettere mano alla bozza presentata a Berna oltre due anni fa. Un passo indietro che lascia l'amaro in bocca alle autorità ticinesi.

"Sono in parte sorpreso perché dalla fase progettuale, a cui USTRA ha partecipato assieme a noi - spiega il Direttore del dipartimento del territorio, Claudio Zali - era emerso che vi sono delle possibili criticità per l'attraversamento del fiume Ticino. Stravolgere il progetto nella sua parte nord come vedo ora essere proposto, francamente mi sorprende e ovviamente non mi trova consenziente".

Cosa è andato storto? "Vorrei capirlo anche io, per questo chiederò un colloquio coi vertici di USTRA", risponde Zali. Ma perché l'attraversamento della zona palustre delle bolle di Magadino è emerso soltanto adesso? "Il problema è legato alla larghezza del manufatto destinato all'attraversamento. È chiaro che se non si può fare l'attraversamento, non si può fare nemmeno la strada. Ma non credo sia questo il parere dell'Ufficio federale dell'ambiente. È una questione di dimensioni del manufatto".

Oltre al tratto di Quartino appena descritto, risulta problematico quello tra Cadenazzo e Camorino per la gestione del traffico durante il cantiere. I tempi così si allungano: impossibile immaginare un'entrata in servizio prima del 2040. Questo preoccupa il presidente della Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese, Paolo Caroni: "Noi siamo l'ultimo agglomerato svizzero che non è collegato a una rete autostradale. Il problema peggiora".

Nel frattempo Berna apre alla possibilità di introdurre i semafori sul Piano di Magadino per tamponare il traffico. Un'opzione già bocciata in votazione ma che vista la situazione a Caroni non dispiace: "L'importante è agire perché non oso immaginare di dover attendere ancora 20 anni per il collegamento autostradale", dice.

A2-A13: il Ticino non ci sta

A2-A13: il Ticino non ci sta

Il Quotidiano di venerdì 02.07.2021

 
CSI-Nacaroglu/eb
Condividi