Laura Regazzoni, segretaria generale dell'ACSI
Laura Regazzoni, segretaria generale dell'ACSI (©Ti-Press)

ACSI a rischio sopravvivenza

L'organizzazione a tutela dei consumatori preoccupata dal possibile taglio delle sovvenzioni federali

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'ACSI è preoccupata del possibile taglio delle sovvenzioni federali alle organizzazioni dei consumatori. In un comunicato diramato domenica, l'organizzazione ricorda che: "La commissione delle finanze del Consiglio nazionale raccomanda al Parlamento di abolire gradualmente i contributi".

Attualmente queste organizzazioni ricevono complessivamente ogni anno circa 1 milione di franchi, all'ACSI 147'000, per finanziare l’informazione rivolta ai consumatori: riviste, pubblicazioni, test, piattaforme digitali.

"Già a partire dall’anno prossimo, i fondi potrebbero essere ridotti della metà. Per pochi anni verrebbe ancora concesso mezzo milione, ma in seguito l'aiuto pubblico potrebbe essere abolito completamente", viene denunciato nella nota stampa. Un'eventualità che, di fatto, comprometterebbe l'offerta e la sopravvivenza stessa di queste realtà.

Per saperne di più:

-

Sovvenzioni a rischio per l'ACSI

Sovvenzioni a rischio per l'ACSI

Il Quotidiano di domenica 26.11.2017

Berna, sessione invernale

Berna, sessione invernale

TG 20 di domenica 26.11.2017

Condividi