Già effettuate perquisizioni (Tipress)

Appalti in Moesa, inchiesta COMCO

Aperto un fascicolo su alcune imprese di costruzione dopo aver ricevuto informazioni direttamente dal canton Grigioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Commissione della concorrenza ha aperto un’inchiesta su possibili accordi sugli appalti nel campo della costruzione nella regione Moesa. Ha infatti ricevuto delle informazioni in questo senso dal canton Grigioni, si legge in una nota.

L’inchiesta dovrà stabilire se esistono effettivamente delle restrizioni illecite alla concorrenza. Sono già state effettuate perquisizioni presso le imprese coinvolte. La COMCO ha già condotto dieci inchieste in questo ambito nei Grigioni, concluse l'anno scorso, dalle quali finora il Moesano era rimasto escluso. Erano state accertate e sanzionate diverse infrazioni al diritto dei cartelli commesse dalle imprese coinvolte nel periodo tra il 2004 e il 2012.

La commissione federale aveva appurato che 12 imprese si erano accordate per "pilotare" gli appalti di lavori stradali, ripartendosi i progetti di costruzione e fissando il prezzo delle offerte. Erano stati così manipolati centinaia di progetti per un ammontare superiore a 190 milioni di franchi. Vittime degli accordi erano stati in particolare il cantone i comuni che hanno ottenuto indennizzi.

Indagini su almeno tre ditte, appalti 2020 bloccati

Almeno tre ditte di costruzione e le abitazioni dei titolari, stando a nostre informazioni, sono state perquisite mercoledì dagli inquirenti giunti dalla Svizzera interna che si sono mossi sulla base di una segnalazione inviata da Coira. Nelle scorse settimane il cantone, di fronte ad anomalie nelle offerte presentate dai partecipanti ai concorsi banditi dall'inizio dell'anno, ha nuovamente bloccato tutta una serie di procedure di appalto (non ci sono mai state assegnazioni, per esempio, per le opere da capomastro per la strada Grono-Verdabbio, il bivio di Castaneda, il bivio Calanca, la strada per Cebbia). Una situazione non nuova, essendosi già verificata (per gli stessi motivi) due anni fa, quando non vi era però stata una segnalazione alla Commissione della concorrenza.

Notiziario 11.00 del 26.06.20: le spiegazioni del direttore della COMCO Patrik Ducrey al microfono di Roberto Scolla
Notiziario 11.00 del 26.06.20: le spiegazioni del direttore della COMCO Patrik Ducrey al microfono di Roberto Scolla
 

"I nomi delle imprese di costruzione non sono ancora stati resi noti perché intanto non si conoscono le ditte realmente coinvolte nel caso", ha detto Patrik Ducrey, direttore della COMCO, all'agenzia finanziaria AWP.

I nomi saranno pubblicati sul Foglio ufficiale svizzero di commercio tra due o tre settimane.

Moesano, appalti nel mirino della COMCO

Moesano, appalti nel mirino della COMCO

TG 12:30 di venerdì 26.06.2020

 
AlesS/Diem
Condividi