Artlords, arte cruda e diversa

Il gruppo di "writers" afghani è a Lugano fino al 7 maggio per mostrare il loro impegno contro temi caldi non soltanto a Kabul

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Lugano ospiterà fino al 7 maggio gli ArtLords, "writers" afghani che predicano la pace armati di bombolette e pennelli. Questi artisti sono ormai famosi su scala internazionale, grazie ai loro graffiti dalla palese prospettiva sociale con cui decorano i robusti muri anti-esplosioni con i quali a Kabul si proteggono ministeri e organizzazioni internazionali dagli attacchi terroristici.

 

Il programma previsto nella città prevede diversi appuntamenti di sicuro interesse come la creazione di un murales al Parco Tassino, un incontro pubblico il 2 maggio e un’esposizione (dal 3 maggio alla Galleria Doppia V) che consentirà di vedere da vicino l’impegno degli ArtLords, i quali proprio con l’arte pongono al centro dell’attenzione tematiche aspre come corruzione, violenza domestica, sfruttamento minorile e la perdita delle tradizioni in Afghanistan. Fondato da alcuni artisti, il gruppo ha visto coinvolte decine di persone, garantendo (tra l’altro) pure la sopravvivenza di svariati nuclei familiari.

Sui muri dell'Afghanistan

Sui muri dell'Afghanistan

Il Quotidiano di martedì 30.04.2019

 
EnCa
Condividi