“Non c’era la fallibilità aziendale" (Ti-Press / Gabriele Putzu)

Campione ci prova e ricorre

Il comune si è rivolto alla Corte di appello di Milano, contestando il fallimento del Casinò

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un ricorso contro il fallimento del Casinò è stato depositato venerdì dal comune di Campione d’Italia presso la Corte di appello di Milano, dopo l’incontro con gli avvocati. L’esposto chiede la possibilità di rivedere la sentenza decretata lo scorso 27 luglio dal Tribunale di Como.

Il sindaco Roberto Salmoiraghi spiega le motivazioni principali che hanno portato a presentare il reclamo: “Non c’era la fallibilità aziendale. L’azienda comunque è un’azienda che assolve ai propri doveri nei confronti del comune, anche se non in modo esaustivo”.

Se il giudice dovesse accogliere l’istanza vi sarebbero due possibili scenari: la revoca del fallimento o l’inizio di un esercizio provvisorio che consenta alla casa di gioco di riaprire.

 
 
CSI/YR
Condividi