Morbillo, puntare sulla vaccinazione
Morbillo, puntare sulla vaccinazione (keystone)

Casi di morbillo in crescita

In Ticino ne sono stati rilevati 13 in poco più di un mese, parola del DSS; tendenza simile anche in Svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I casi di morbillo sono in aumento in Ticino. Stando a quanto reso noto giovedì dal Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), dalla metà dello scorso mese di dicembre ne sono stati segnalati all’Ufficio del medico cantonale 13. Tutte le persone che si sono ammalate non erano vaccinate, o non lo erano adeguatamente. A essere colpiti soprattutto adolescenti e giovani adulti.

Alla luce di questa tendenza, il DSS ritiene doveroso fornire alcune precisazioni in merito a questa malattia, alle forme di prevenzione, alle possibilità per vaccinarsi e al comportamento corretto da tenere in caso di contatti con persone ammalate.

In caso di febbre, tosse e macchie rosse sul corpo (esantema) è necessario consultare tempestivamente un medico, possibilmente via telefono, per valutare la possibilità che si tratti di morbillo, limitando così ulteriori rischi e contagi. Il morbillo è una malattia che i medici devono obbligatoriamente segnalare alle autorità cantonali: solo questa prassi permette di contenere eventuali focolai attuando misure di salute pubblica.

In Sivzzera, da novembre 2016, sono stati segnalati in tutto 37 casi di morbillo. La malattia, che può provocare gravi complicazioni, ha colpito sia bambini che adulti, sottolinea dal canto suo l'Ufficio federale della sanità pubblica, in una nota diramata giovedì.

Swing

Dal Quotidiano:

Morbillo, casi in crescita

Morbillo, casi in crescita

Il Quotidiano di giovedì 09.02.2017

Condividi