Scaduto oggi il termine per la presentazione delle liste per le Comunali del 5 aprile (archivio Ti-Press)

Comunali: candidature presentate

Oggi, 27 gennaio, è scaduto il termine per sottoporre i nominativi dei candidati alle comunali del 5 aprile. Ma rimane ancora un margine di manovra

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Alle 18.00 di oggi, lunedì 27 gennaio, è "scattata" la prima scadenza dell’appuntamento elettorale con le comunali del 5 aprile. È infatti scaduto il termine per presentare le candidature, anche se le liste saranno definitive solo tra due settimane, il 10 febbraio. Il raddoppio del periodo tra la chiusura del termine di presentazione e la definizione delle singole liste è una delle novità garantite dalla revisione totale della legge sull’esercizio dei diritti politici, che si applica proprio a partire da queste elezioni.

Un’altra novità è costituita dal fatto che il candidato non potrà più individualmente rinunciare alla corsa. Un ritiro è possibile solo per permettere un'elezione tacita; quando cioè il numero di candidati è uguale al numero dei seggi. E se tra due settimane si conosceranno i dettagli delle elezioni comunali ticinesi 2020, è perché in questi giorni sarà ancora possibile apportare certi correttivi o completare la documentazione necessaria. Ma resta pure la possibilità (rispettando determinati parametri) di stralciare dei nomi.

"Più Donne" si schiera a Lugano

Lunedì mattina è stata ufficializzata anche la lista "Più Donne" a Lugano, che propone candidate sia per il Municipio, sia per il Legislativo comunale; se per il primo vi sono tre nominativi (Tiziana Cappelli, Tamara Merlo e Isabelle Ruf), sono invece tredici le persone in lizza per "Più Donne" nel consiglio comunale luganese. In totale nel principale centro del cantone sono sette le liste in corsa per l'Esecutivo e nove per il Consiglio comunale, secondo quanto comunicato poco dopo le 18.00 dal Dicastero istituzioni.

La lista Più donne a Lugano

La lista Più donne a Lugano

Il Quotidiano di lunedì 27.01.2020

 

Ad Acquarossa l'elezione non sarà tacita

Ad Acquarossa, dove erano previste elezioni tacite, c’è stata una mezza rivoluzione. Venerdì infatti, come riporta La Regione, in cancelleria comunale è stata consegnata una lista imprevista e inaspettata, ossia quella di Lega e UDC. Si potrebbe così destabilizzare una situazione consolidata, quasi una “formula magica” con due municipali liberali, due pipidini e un socialista.

E la lista di Lega dei Ticinesi e Unione democratica di centro tra i quattro nomi che contempla c’è pure un candidato che punta dritto all’Esecutivo. Così, accanto alla nuova lista, si schiereranno tutte le forze politiche: il PLR con cinque candidati, il PPD con altrettanti nuovi volti, mentre socialisti, verdi e indipendenti raggruppati proporranno due candidate.

Acquarossa, si va alle urne

Acquarossa, si va alle urne

Il Quotidiano di lunedì 27.01.2020

 
CSI/GRg/EnCa
Condividi