Danni, tutto sommato, contenuti, ma avrebbe potuto andare molto peggio
Danni, tutto sommato, contenuti, ma avrebbe potuto andare molto peggio (Rescue Media)

Corcapolo, errore umano provato

Il SISI: lo scontro tra due treni FART nel 2016 fu causato da un errato intervento del capomovimento sul sistema di sicurezza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’incidente del 26 aprile 2016 tra due treni della Centovallina a Corcapolo è stato causato da un errore umano. Dopo l’inchiesta interna e quella della polizia, giunte alle medesime conclusioni, anche il rapporto finale del Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI), pubblicato venerdì, ha confermato questa versione.

Frontale dei trenini bianchi e blu

Frontale dei trenini bianchi e blu

Il Quotidiano di martedì 26.04.2016

 

La collisione è stata infatti causata da un errato intervento sul sistema di sicurezza: quella mattina erano in corso lavori di riparazione e, stando al SISI, "non era stata chiarita precedentemente la posizione dei treni e non era stato commutato l'impianto sul funzionamento locale da parte del capomovimento". Un errore che ha prodotto due segnali verdi nelle due direzioni opposte e ha quindi provocato lo scontro frontale.

I montatori del servizio guasti non erano inoltre provvisti di una radio ricetrasmittente, come avrebbe dovuto essere, e una volta accortisi del pericolo non hanno potuto comunicare ai macchinisti di fermarsi. E anche se questa non è stata la causa del sinistro, “non ha neppure consentito di evitarlo” sottolinea il SISI.

ATS/dielle
Condividi