Gobbi: "Colti di sorpresa"

Sulla riapertura di bar e ristoranti molti punti da chiarire. Il Ticino critico. Nel video i dubbi di Fabio De Angelis del Just Cafè di Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La decisione del Consiglio federale di aprire già l'11 maggio ristoranti e bar, annunciata la scorsa settimana anticipando quelli che erano i tempi fin lì previsti, ha preso alla sprovvista il Ticino.

CSI 18.00 La diretta di Francesca Calcagno
CSI 18.00 La diretta di Francesca Calcagno
 

Norman Gobbi lo ha riconosciuto nella conferenza stampa di oggi, mercoledì: "Questi passi avrebbero dovuto essere meglio coordinati con le autorità cantonali poi chiamate ad applicarli", ha affermato.

 

Soprattutto perché l'ordinanza federale non è ancora stata adattata (lo sarà venerdì): le linee direttrici, dai due metri di distanza al massimo di quattro persone al tavolo, erano già state anticipate, e da martedì è noto il piano di protezione elaborato da Gastrosuisse con i competenti uffici federali, che ci ha svelato la necessità di fornire i nostri dati così da garantire il cosiddetto "contact tracing", un aspetto questo che infastidisce non pochi cittadini e infastidisce la categoria, che si chiede se potrà o dovrà chiedere i documenti.

CSI 18.00 del 06.05.2020 I dubbi degli esercenti nel servizio di Flavio Maddalena
CSI 18.00 del 06.05.2020 I dubbi degli esercenti nel servizio di Flavio Maddalena
 

Restano tuttavia diversi punti di domanda, soprattutto per quanto riguarda i bar: da quanto affermato dallo stesso Consiglio federale, ha detto Gobbi rispondendo a una precisa domanda, l'ipotesi è anche per loro quella di una riapertura con l'obbligo della consumazione seduti al tavolo. Mancano però informazioni chiare, nero su bianco.

 

Come ha spiegato il capitano Elia Arrigoni, la polizia cantonale si sta però già preparando ai controlli, con particolare attenzione al distanziamento sociale. In caso di mancato rispetto del piano di protezione, ha ricordato, si potrà ordinare la chiusura di un esercizio pubblico.

Esercenti nell'incertezza

Esercenti nell'incertezza

Il Quotidiano di mercoledì 06.05.2020

 
pon
Condividi