Più agenti, più controlli...
Più agenti, più controlli... (tipress)

Il Pardo ai tempi del terrorismo

A Locarno potenziata la sicurezza. Renato Pizolli: "Si adatta il dispositivo alla potenziale minaccia"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’Europa è in allarme per gli attentati terroristici. E il Festival del film prende il via oggi a Locarno con un servizio di sicurezza accresciuto rispetto al passato. I dettagli del nuovo piano - concertato tra polizia federale, cantonale e cittadina - per ovvi motivi, non vengono resi noti. La città non è blindata, ma il dispositivo è stato potenziato.

Si possono vedere coppie di agenti in divisa armati di mitra che pattugliano piazze e vie cittadine. Alle entrate gli spettatori sono "scannerizzati" con un metal detector e c’è un controllo più attento di borse e zaini. Inoltre il sistema di videosorveglianza è stato potenziato.

"Ci auguriamo che queste misure non abbiano un grosso impatto e che non modifichino lo spirito con il quale ci si è sempre recati al Festival. Evidentemente però i controlli potranno rallentare l’entrata alle proiezioni di qualche istante”, ci spiega il portavoce della polizia cantonale Renato Pizolli.

A  Lugano - durante lo spettacolo dei fuochi del primo d’agosto - la polizia ha sbarrato l’accesso ai veicoli sul lungolago con un furgone, messo di traverso. Gli inquirenti ticinesi guardano insomma anche alle recenti stragi francesi, ed in particolare a Nizza. "Si adatta il dispositivo alla potenziale minaccia", conferma Pizolli. E in questi dieci giorni di Pardo, oltre alla polizia e alla sicurezza privata, "a Locarno sono attivi anche i servizi di intelligence", conclude.

Joe Pieracci

Per sapere tutto quanto avviene al Festival clicca qui.

Dal Quotidiano

Dietro le quinte del Festival

Dietro le quinte del Festival

Il Quotidiano di mercoledì 03.08.2016

Condividi