"Il virus resiste ore negli aerosol"

Antonio Lanzavecchia, direttore dell'IRB di Bellinzona, sulla rapida propagazione dell'epidemia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il coronavirus è molto resistente e può rimanere per ore negli aerosol, ovvero nell'aria di una stanza in cui ha respirato una persona infetta. È uno dei motivi che ha portato alla rapida diffusione della malattia sottolineate da Antonio Lanzavecchia, immunologo e direttore dell'IRB di Bellinzona, nel corso della trasmissione Falò.

In particolare, dopo tre ore, nell'aria resta ancora la metà della quantità di virus, che è molto persistente anche sulle superfici.

Un altro fattore che ha portato alla rapida diffusione è il fatto che, all'inizio dell'epidemia, non era chiaro che persone asintomatiche, o con sintomi molto leggeri, potessero infettarne altre.

Lotta contro il virus

Lotta contro il virus

LA 1, giovedì 19 marzo, 21:05

 
Falò/sf
Condividi