Il delitto risale al 9 aprile dello scorso anno (© Keystone / Ti-Press / Samuel Golay)

Inchiesta agli sgoccioli

Consegnata la perizia medico-legale sul “giallo di Muralto”. Impossibile stabilire l’ora esatta del decesso. Si rafforza l’ipotesi del movente economico

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’inchiesta sulla morte della 22enne inglese, avvenuta il 9 aprile scorso all’hotel “La Palma au Lac” di Muralto, è giunta ormai in dirittura d’arrivo. Il Centro universitario romando di medicina legale (CURML) ha consegnato la perizia medico-legale disposta dalla procura.

Losanna conferma le conclusioni già espresse dalla dottoressa Luisa Andrello: la donna è deceduta per un’asfissia meccanica da strangolamento; le lesioni sul collo sono compatibili con l’asfissia; l’ora della morte va situata tra le quattro e le sei del mattino. Impossibile – scrivono gli esperti d’oltre San Gottardo – restringere ulteriormente la forchetta temporale.

La questione non è di poco conto. La giovane e il compagno rientrarono in albergo verso le 2.30, mentre l’allarme fu dato alle 6.30. Cosa accadde in quelle quattro ore? Il 29enne germanico, ad eccezione dei due rapporti sessuali avuti con la vittima, non ha saputo (o voluto) raccontarlo.

L’uomo, in carcere da allora, continua a parlare di un gioco erotico finito male. Ma la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis ritiene che l’abbia uccisa di proposito. Assassinio e appropriazione indebita (per il presunto furto della carta di credito della 22enne) le accuse ipotizzate nei suoi confronti.

Gli inquirenti cavalcano la tesi del movente economico. E proprio da questo fronte trapelano nuovi dettagli. A verbale l’imputato, difeso da Yasar Ravi e Luisa Polli, aveva dichiarato di non avere problemi finanziari. In realtà si è scoperto che c’erano dei debiti. Pendenze accumulate con l’Ufficio anticipo alimenti, per il mancato pagamento degli assegni destinati ai figli. Il tutto a dispetto della situazione patrimoniale millantata davanti alla ricca amica inglese, con la quale – si sospetta – sarebbero infine sorti degli attriti.

Il delitto di Muralto

Il delitto di Muralto

Il Quotidiano di venerdì 24.01.2020

 
Francesco Lepori
Condividi