La moda che divide

LGI sposta 150 impieghi da Cadempino all’Italia: faccia a faccia tra Amalia Mirante e Alex Farinelli

"È un settore importante per il cantone che garantisce introiti fiscali ingenti: decine di milioni”. “No, non possiamo continuare a basare le nostre finanze su contribuenti che oggi arrivano e domani se ne vanno”.

Non sono mancate le scintille anche giovedì sera durante il Quotidiano. Ospiti in studio per un faccia a faccia: il capogruppo PLR in Gran Consiglio Alex Farinelli e l’economista ed esponente del Partito socialista Amalia Mirante.

Il tema? Il settore della moda e gli scossoni che il comparto sta subendo in Ticino. L’ultimo: la decisione della Luxury Goods International – la controllata del colosso del fashion Kering – di spostare 150 posti di lavoro da Cadempino all’Italia.

Quot/ludoC

Condividi