Il direttore del Dipartimento sanità e socialità (ti-press)

Mascherina, "favorevole all'obbligo"

Il direttore del DSS Raffaele De Rosa ha dichiarato ipotizzabile l'obbligatorietà sui trasporti pubblici e dove non si possono mantenere le distanze

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa si è dichiarato favorevole, di principio, all'obbligo della mascherina sui mezzi pubblici. "A titolo personale ritengo che sia importante già entrare in materia e iniziare a ipotizzare nelle prossime settimane di introdurre un tale obbligo sui mezzi di trasporto pubblico e rispettivamente in quei luoghi dove non è possibile garantire la distanza sociale e dove è difficoltoso rintracciare i contatti", ha spiegato ai nostri microfoni. Il Governo ticinese affronterà il tema nella sua seduta mercoledì: una discussione che potrebbe però richiedere più sedute.

Una foto scattata l'11 marzo scorso
Una foto scattata l'11 marzo scorso (ti-press)

A domanda diretta relativa all’introduzione dell’obbligo della mascherina sui trasporti pubblici, decisione che ora spetta ai cantoni, ieri sera durante 60 Minuti estate, il collega di Governo Claudio Zali ha invece dichiarato: “La situazione evolve continuamente; non l’abbiamo fatto finora, con il livello attuale dei contagi in Ticino rimane una calda raccomandazione, ma non siamo ancora al punto di introdurre degli obblighi”.

 

"In Ticino fortunatamente la situazione attuale è sotto controllo, con diversi 'doppi zero' negli ultimi 15 giorni - ha aggiunto Raffaele De Rosa - Ma quanto osservato in altri cantoni ci ricorda che bisogna rimanere estremamente vigili, come del resto ci ha sempre ricordato l'autorità sanitaria e il medico cantonale".

Nel frattempo, dalla mezzanotte di martedì in Ticino decade lo "stato di necessità" decretato lo scorso 12 marzo, eppure anche il ministro della sanità teme un nuovo aumento dei contagi. Da mercoledì si entra in una cosiddetta "situazione particolare" ma l'allerta resta alta. E se lo Stato maggiore cantonale di condotta entra in una situazione di stand by e l'impegno "covid 19" di esercito e protezione civile è per ora terminato, quanto appreso negli ultimi mesi potrà servire anche in caso di una nuova emergenza.

Mascherina obbligatoria in agenda

Mascherina obbligatoria in agenda

Il Quotidiano di martedì 30.06.2020

 
CSI/Bleff/ludoC
Condividi