Mettiti... nelle mie scarpe

Oppy De Bernardo inaugura una nuova opera a Lugano, realizzata insieme ai detenuti

"Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io. Vivi il mio dolore, i miei dubbi, le mie risate. Vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io". Le parole di Luigi Pirandello hanno ispirato l'artista Oppy De Bernardo, che ha realizzato una nuova opera in piazza Manzoni, a Lugano, realizzata in collaborazione con i detenuti delle carceri della Stampa e di Bollate (in provincia di Milano).

L'installazione è stata chiamata "Panopticon", in riferimento al carcere ideale progettato da Jeremy Bentham nel 1791.

Oppy De Bernardo, lo ricordiamo, è autore anche dell'installazione "Apolide", realizzata l'anno scorso a Locarno con 5'000 salvagenti colorati per bambini, con l'intento di sensibilizzare la popolazione al naufragio di tanti migranti, che attraversano il Mediterraneo su imbarcazioni di fortuna per fuggire da guerre e miseria. Moltissime vittime dei naufragi sono, per l'appunto, bambini.

Dai fenicotteri alle scarpe dei detenuti

Dai fenicotteri alle scarpe dei detenuti

Il Quotidiano di sabato 26.10.2019

 

6500 salvagenti in Piazza

6500 salvagenti in Piazza

Il Quotidiano di sabato 31.03.2018

M. Ang.
Condividi