In Val Rovana il lupo osservato speciale

Il Quotidiano di giovedì 31.03.2022

"Monitoriamo i lupi per contrastarli"

La Sezione dell'agricoltura ribadisce di fare il possibile per monitorare i movimenti dei predatori

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Stiamo studiando la presenza del lupo per contrastarlo", parola della Sezione dell'agricoltura che - dopo l'attacco in Val Rovana, dove mercoledì tre lupi hanno attaccato un gregge - ribadisce di fare il possibile per monitorare i movimenti dei predatori.

All'indomani dell'attacco non mancano le critiche sulla gestione della presenza dei predatori. Il Cantone però ribadisce: il progetto procede. 

Nel 2020, in Ticino, sono stati registrati 21 attacchi, con circa 60 animali predati (tutti non erano protetti da recinzioni elettrificate o cani da pastore). Nel 2021 gli attacchi sono scesi a 11, con una quarantina di predazioni (in quasi tutti i casi gli animali non erano protetti).

L'Ufficio caccia e pesca invita a segnalare immediatamente eventuali avvistamenti e intanto monitora la situazione (sono circa una dozzina i predatori presenti oggi in Ticino).

La Sezione agricoltura, che controlla recinzioni e protezioni, ha un "Mister Lupo": Silvio Guggiari, che sta mappando tutto il territorio. L'anno prossimo consegnerà un rapporto. Il lavoro di Guggiari è anche quello di valutare i danni. Ieri, per esempio, a Cerentino, ha consigliato un recinto elettrificato.

Le norme federal, lo ricordiamo, stabiliscono che l'abbattimento del lupo viene autorizzato dal Cantone solo se uccide almeno 10 capi nella stessa zona.

Quot
Condividi