Il luogo dove si sono svolti i fatti
Il luogo dove si sono svolti i fatti (rescue media)

"Non è processabile"

La procura ha deciso di non rinviare a giudizio il 19enne che nel febbraio del 2019, a Novazzano, accoltellò il padre

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il ministero pubblico ha deciso di non rinviare a giudizio il giovane che poco più di un anno fa, a Novazzano, ferì il padre accoltellandolo all’addome. Per il procuratore Zaccaria Akbas il 19enne non è processabile. Al Tribunale penale, anziché l’atto d’accusa ha quindi inoltrato un’istanza di misura, su cui la Corte dovrà ora esprimersi.

Akbas ha insomma dato seguito alle conclusioni espresse dal perito psichiatrico, Markus Weimann, secondo il quale il ragazzo, affetto da disturbi, al momento dei fatti era completamente incapace di valutare il carattere illecito del suo agire, o di agire in base a questa valutazione.

La notte del 25 febbraio 2019, nel loro appartamento di via Ronco, il 19enne perse il controllo. Con un coltello da cucina sferrò alcuni colpi al papà, mettendone in pericolo la vita. Subito soccorso, il 47enne dello Sri Lanka riuscì fortunatamente a cavarsela.

Accoltellò il padre, niente processo

Accoltellò il padre, niente processo

Il Quotidiano di martedì 24.03.2020

 
Francesco Lepori
Condividi