Il giornalista economico Lukas Hässig
Il giornalista economico Lukas Hässig (©Keystone)

Ombre su BSI

Le conseguenze del coinvolgimento in uno scandalo a Singapore potrebbero far saltare l'affare con EFG

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"EFG - BSI, salta l'affare?" È quanto titola giovedì il blog "Inside Paradeplatz" del giornalista economico Lukas Hässig. Secondo l'articolo, le autorità di Singapore avrebbero messo BSI su una lista nera, e la cosa potrebbe compromettere l'acquisizione da parte di EFG International.

Le bocche dei diretti interessati sono cucite - " non commentiamo speculazioni", ha fatto sapere BSI - il condizionale è quindi d'obbligo. Le misure decise dalle autorità di Singapore – scrive Inside Paradeplatz – è causata dal ruolo avuto dalla banca nella vicenda del fondo sovrano malese 1MDB, al centro di uno scandalo miliardario sul quale si sta indagando anche in Svizzera. La conseguenza? BSI sarebbe impossibilitata ad aprire nuovi conti a Singapore, un aspetto non secondario per un istituto di credito.

Qualcosa sicuramente bolle in pentola in Asia come ha ammesso indirettamente anche  BTG Pactual - l'attuale proprietario di BSI - che nelle scorse settimane ha comunicato al precedente proprietario, le assicurazioni Generali, che nel caso BSI fosse multata dalle autorità di Singapore, chiederebbe un indennizzo alla società italiana.

Secondo quanto scrive Lukas Hässig, ogni giorno in Asia BSI vedrebbe defluire capitali per 80 milioni di dollari. Un fatto che, se confermato renderebbe BSI poco interessante agli occhi di EFG, visto che tra gli atout individuati nella banca ticinese da quella zurighese, vi era proprio la sua posizione consolidata in Estremo Oriente.

Venerdì prossimo EFG terrà un'assemblea degli azionisti durante la quale dovrebbe venir deciso l’aumento di capitale da destinare all'acquisizione di BSI.

CSI/SP

Condividi