Fontana a Bellinzona nel 2018, con l'allora presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali
Fontana a Bellinzona nel 2018, con l'allora presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali (tipress)

Sbloccare l'accordo sui frontalieri

Vitta e Fontana hanno indirizzato una lettera a Berna e Roma

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Una soluzione differenziata che permetta un'applicazione immediata per i nuovi frontalieri e un regime transitorio per quelli attuali", "almeno il 50% del gettito aggiuntivo generato dalla progressiva imposizione in Italia dei frontalieri sia conferito alla regione Lombardia che lo distribuirà ai comuni della fascia di frontiera", "un feedback italiano a favore dei cantoni che accerti quale è stata l'imposizione dei singoli contribuenti trasmessi nelle lista dei cantoni" stessi e, "tenuto conto degli investimenti ticinesi ad impatto transfrontaliero, una quota di imposizione massima in Svizzera del 70%", che potrà salire all'80%.

Sono i quattro punti che il governatore lombardo Attilio Fontana e l'allora ancora presidente del Governo ticinese Christian Vitta hanno messo nero su bianco e indirizzato il 30 aprile a Roma e Berna per sbloccare la questione dell'accordo sull'imposizione dei frontalieri, parafato da Svizzera e Italia il 22 dicembre 2015 ma mai firmato e ratificato.

Il Ticino, si ricorda, ha riversato nei soli ultimi 5 anni quasi 350 milioni di franchi di ristorni.

Pareri diversi per l'accordo sui frontalieri

Pareri diversi per l'accordo sui frontalieri

Il Quotidiano di venerdì 17.01.2020

 
Accordo fiscale, tempo quasi scaduto

Accordo fiscale, tempo quasi scaduto

Il Quotidiano di giovedì 20.06.2019

 
pon
Condividi