Uno dei parcheggi riservati al car pooling oltre frontiera
Uno dei parcheggi riservati al car pooling oltre frontiera (©Ti-Press)

Si cerca di condividere l'auto

Pronto lo studio trasfrontaliero per decongestionare il traffico nelle zone di confine - I comuni italiani hanno aderito

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I comuni dell'Olgiatese e del Basso Ceresio che hanno aderito alla possibilità di incentivare forme di condivisioni dell'auto. Ciò nella speranza di contribuire a decongestionare il traffico dei frontalieri diretti in Ticino. Per questo hanno approvato lo studio di opportunità redatto dall'ingegner Andrea Debernardi, per conto della Commissione regionale di trasporti del Mendrisiotto e del Basso Ceresio e finanziato dal Dipartimento del territorio ticinese.

La ricerca ha innanzittutto, radiografato il frontalierato dall'Olgiatese e dal Basso Lario. I sette valichi di frontiera fra il Mendrisiotto e la provincia di Como registrano un traffico medio feriale di oltre 110’000 autovetture al giorno di cui quasi 48’000 alla dogana autostradale di Brogeda. Nell'ambito dello studio sono state individuate 27 aree di sosta di cui 19 immediatamente utilizzabili, con un migliaio di posti-auto.

Nove delle aree già disponibili (Bizzarone, Ronago, Colverde, Maslianico, Cernobbio e Cavallasca), con oltre 150 posti rientrano nell'azione pilota, che si vorrebbe attivare già in dicembre, ma che molto probabilmente prenderà il via nel prossimo gennaio.

Red.MM/MM/CSI/Swing

Condividi