Sankt Moritz (keystone)

St. Moritz, i positivi sono dipendenti

Due alberghi sono in quarantena per la presenza della variante sudafricana, si prepara un test a tappeto. Mascherina in tutto il comune

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sono tutti collaboratori, e non ospiti, dei due alberghi messi in quarantena i 12 contagiati dal coronavirus che hanno indotto le autorità grigionesi ad adottare misure draconiane a St. Moritz. Il focolaio è stato individuato domenica. La scoperta è avvenuta perché le due strutture di lusso in questione, nell'ambito dei rispettivi piani di protezione, testano regolarmente i dipendenti.

Si tratta, come emerso nel corso della mattinata, di casi di variante sudafricana, non britannica come quella entrata in una casa anziani di Balerna e alle scuole medie di Morbio Inferiore. In comune i due ceppi hanno una maggiore contagiosità rispetto a quello "originale".

Personale e clientela delle due strutture vengono ora sottoposti a tampone e si è in attesa dei risultati. Gli esami saranno ripetuti al quinto e decimo giorno nella quarantena. Nel frattempo, solo i turisti risultati negativi potranno se lo vorranno far rientro a casa, ha precisato il capo dell'ufficio dell'igiene pubblica Rudolf Leuthold ai microfoni della RSI, ma dovranno concludere la quarantena a domicilio. Si sta inoltre organizzando attualmente un test a tappeto per l'intera popolazione locale, che scatterà martedì, non obbligatorio ma fortemente raccomandato.

Intanto, la mascherina è obbligatoria su tutto il territorio comunale. Scuole, strutture di custodia dei bambini e scuole di sci sono state chiuse fino a nuovo avviso e sono sospese le attività associative e gli allenamenti sportivi a livello giovanile.

Il Kempinski, uno dei due hotel colpiti, ha comunicato che aveva effettuato un test di massa tra i suoi dipendenti - circa 180 - nella prima settimana di gennaio. Tutti erano risultati negativi. L'altro, il Badrutt's Palace, ha precisato che da metà dicembre sono stati effettuati più di 1'500 test. "Inoltre, a nostra conoscenza, siamo l'unica struttura di St. Moritz che richiede agli ospiti di fornire la prova di un test di Covid negativo all'arrivo in hotel e prima del check-in", ha scritto l'albergo all'agenzia Keystone-ATS.

RG/pon
Condividi