ORF (orf.at)

Stampa estera: le reazioni

Diversi media europei riferiscono dell'attacco avvenuto martedì alla Manor di Lugano senza esitare a parlare di "terrorismo"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor di Lugano fa parlare di sé anche fuori dai confini elvetici. Se in Ticino si rimane cauti, ipotizzando, senza confermarlo, l’atto terroristico, i media esteri non esitano a usare la parola "terrorismo".

"Due donne accoltellate a Lugano: "Atto terroristico"" titola Repubblica che, riportando i fatti, parla di "matrice terroristica". La Stampa, dal canto suo, scrive di "Terrore a Lugano", citando anche informazioni, per ora non ufficialmente confermate, riportate da laRegione, secondo le quali la 28enne autrice dell’attacco avrebbe gridato al sedicente stato islamico.

La notizia viene anche riportata sul sito della BBC che, più cauta, scrive di "sospetto di terrorismo" e riporta anche il tweet del cancelliere austriaco Sebastian Kurz: “Il mio pensiero va alle vittime e auguro loro una rapida ripresa. Siamo vicini alla Svizzera in queste ore difficili”. La tedesca Bild parla invece di vicinanza dell'attrice dell'aggressione alla "milizia islamica".

 

Sul sito di euronews i toni sono categorici: "Accoltellamento in un centro commerciale a Lugano: terrorismo", anche se poi nell’attacco dell’articolo di legge "È probabilmente terrorismo".

Dell’episodio si è parlato anche sul portale israeliano The Times of Israel ("La polizia svizzera indaga su un possibile movente terroristico dopo il ferimento di due persone nel corso di un attacco in un supermercato"), come pure su The Taiwan Times ("Donna svizzera arrestata dopo un sospetto attacco terroristico a Lugano"), che apre con l’informazione che la donna era già nota alle autorità.

Radicalismo islamico, i precedenti

Radicalismo islamico, i precedenti

Il Quotidiano di mercoledì 25.11.2020

 
mrj
Condividi