Svelato il futuro Parco Viarno

Westpol di Basilea e Demattè Fontana Architekten di Zurigo si sono aggiudicati il concorso. Bertini: "Progetto che valorizza questo nuovo polmone verde di Lugano"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un parco pubblico di 27'000 m2 con prati, alberi da frutta e giardini fioriti, la riqualifica di Villa Viarnetto, accanto un nuovo punto di ristoro e su Via Guioni delle sale di quartiere ed un parcheggio interrati. E' quanto prevede, per il futuro Parco Viarno, il progetto preliminare vincitore del concorso internazionale indetto lo scorso anno dal municipio di Lugano.

Michele Bertini a Villa Viarnetto
Michele Bertini a Villa Viarnetto (RSI)

Il progetto che ha convinto la giuria presieduta da Michele Bertini è stato disegnato dallo studio Westpol Landschafts Architektur di Basilea e allo studio di architettura Demattè Fontana Architekten di Zurigo e sarà esposto alla popolazione dal 27 di giugno. "In gara c'erano 40 progetti, giunti da tutta Europa. Questo è quello che dà le migliore garanzie di qualità. E che interpreta al meglio la volontà della città di Lugano, che vuole valorizzare questo nuovo polmone verde cittadino", spiega il capodicastero spazi urbani.

L'obiettivo del municipio è quello di far approvare il credito della progettazione definitiva in questa legislatura, per realizzare il tutto nella prossima. Costo dell'opera: circa 10 milioni di franchi. Per avere un altro parco, che sarà il secondo per estensione dopo il Ciani, per gli abitanti della città, in un quartiere densamente popolato come quello di Pregassona.

joe.p.

Il nuovo Parco Viarno

Il nuovo Parco Viarno

Il Quotidiano di giovedì 13.06.2019

Condividi