C'è necessità di tutto, cibo compreso
C'è necessità di tutto, cibo compreso (keystone)

Ticinesi solidali con l'Italia

Numerosi appuntamenti di raccolta di aiuti sono stati organizzati nel cantone da associazioni e privati

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Ciao a tutti, sto organizzando una raccolta di beni di prima necessità per le persone toccate dal terremoto nel Lazio, in Umbria e nelle Marche da consegnare poi a Pregassona tra il 15 e il 16 settembre prossimo": così inizia un messaggio pubblicato su Facebook, sulla bacheca del gruppo "Nüm dal Gambarögn".

L’autore, Paolo Pedroni, un architetto di Vira Gambarogno ci spiega al telefono che ha avuto l’idea vedendo sul social una pagina creata ad hoc per un’azione di solidarietà nei confronti delle vittime del sisma: "Una mano tesa ai terremotati del Centro Italia".

Il messaggio di Paolo Pedroni
Il messaggio di Paolo Pedroni (facebook)

"Mi sono detto che anche da noi ci sarebbero sicuramente state persone interessate ad aiutare le vittime", prosegue, "e devo dire che c’è stato un buon riscontro, sia grazie alla mia pubblicazione, condivisa da numerosi utenti, che privatamente, visto che ne ho parlato intorno a me”.

Il comune ha dal canto suo messo a disposizione una sala multiuso di Quartino nella quale depositare il materiale in attesa di essere spedito: "Non abbiamo ancora stabilito le date esatte, ma l’idea è di organizzare 2-3 giornate di raccolta".

Squadre di soccorso sono arrivate anche dall'estero
Squadre di soccorso sono arrivate anche dall'estero (keystone)

L’iniziativa di Pregassona

Il gruppo "Una mano tesa ai terremotati del Centro Italia", è stato creato lo scorso 24 agosto, il giorno del sisma, da "due mamme che vogliono dare il massimo in questa causa", stando a quanto scrive una delle due amministratrici della pagina. Giovedì hanno poi annunciato di aver organizzato l’azione di solidarietà a Pregassona, precisando che "prima di partire con questa missione [abbiamo] preso contatti coi vari enti dei luoghi". Tra questi, si precisa, anche la Croce Rossa di Roma.

Solidarietà a livello cantonale

Diverse azioni sono state organizzate in tutto il cantone per venire in aiuto ai terremotati: oltre ai gambarognesi e Pregasasona, verso la quale convergono in molti, si sono mobilitate anche le "Teste Matte". I tifosi dell’FC Lugano hanno annunciato che sabato, durante la partita contro il Losanna sarà possibile effettuare "una donazione libera a sostegno di chi ha perso tutto". E l’hockey non è da meno: i Ragazzi della Nord hanno organizzato tre appuntamenti per la raccolta di doni. Uno oggi, venerdì, a Massagno e altri due sabato, alla Resega e a Riva San Vitale.

Le Associazioni cristiane lavoratori internazionali (ACLI) svizzere hanno anche loro invitato la popolazione del paese alla solidarietà. Una richiesta mirata, la loro: aiuto in denaro "per contribuire alla ricostruzione dei paesi distrutti dal sisma".

Il materiale da donare

Persone che sono direttamente in contatto con chi si trova nelle zone del terremoto forniscono poi informazioni più precise sul materiale di prima necessità: prodotti per l’igiene, abiti invernali, coperte, cibo a lunga scadenza, biberon, pannolini, acqua, olio, omogeneizzati, scarpe, asciugamani, cuscini, medicinali e materiale medico (bende, cerotti, ecc), latte in polvere, sacchi a pelo, giocattoli di piccole dimensioni che i bambini possano portare ovunque con loro fanno parte delle liste che circolano su Facebook e su numerosi siti. Quindi chi è interessato a fare un gesto, può facilmente trovare tutte le informazioni facendo una ricerca online.

 

Catena della solidarietà: "Non siamo stati sollecitati"

La Catena della solidarietà, dal canto suo, non ha lanciato nessuna raccolta di fondi per i terremotati in Italia e per il momento non prevede di farlo: "Non ci è giunta nessuna richiesta da Roma, che per il momento ha sufficienti risorse a disposizione", spiega Eugenio Jelmini, responsabile dell’organizzazione, che però non esclude una campagna nei prossimi giorni, dovesse rendersi necessaria.

mrj

Stato d'emergenza in centro Italia

Stato d'emergenza in centro Italia

TG 12:30 di venerdì 26.08.2016

Condividi