Foto d'archivio
Foto d'archivio (Ti Press)

Ticino, crescono i ricoveri. Un morto

I dati delle ultime 24 ore evidenziano una crescita delle ospedalizzazioni salite da 166 a 176. Sono 1'222 i nuovi casi. Si registra un nuovo decesso

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Aumentano in Ticino i ricoveri dovuti alla pandemia, saliti da 166 a 176 nelle ultime 24 ore. Calano di due, invece, i pazienti sottoposti a cure intense, il cui numero è infatti sceso da 19 a 17.

 

Sono 1'222 i nuovi casi d'infezione da coronavirus. Il dato segna la crescita di un caso su scala giornaliera, dal momento che ieri, domenica, erano stati recensiti 1'221 casi. Sempre fra ieri e oggi è stato segnalato un ulteriore decesso a causa della patologia (il dato cumulativo è ora di 1'077 morti). È avvenuto tra i residenti nelle case per anziani dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 24 contagi portando il totale dei positivi a 101. Le strutture confrontate con contagi tra gli ospiti sono 18.

 

La scorsa settimana sono stati accertati complessivamente 10'073 contagi. In quelle precedenti erano stati 10'359 e 9'370. Nella settimana di Natale, prima della diffusione della variante Omicron, si era invece a 3'760.

Otto sezioni di scuola dell'infanzia in quarantena

Tra venerdì e domenica in Ticino è scattata la quarantena per otto delle 416 sezioni della scuola dell'infanzia esistenti. Lo si apprende dall'aggiornamento della situazione negli istituti comunali e cantonali diffuso dal Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport. Gli istituti toccati sono quelli di Riviera (1 a Osogna e 1 a Cresciano); Porza; Biasca (sezione sud): Cadro (3 classi) e Pregassona (Terzerina).

Si tratta dei primi allievi costretti a stare a casa dopo la fine delle vacanze di Natale quando è scattato l'obbligo della mascherina a partire dalla prima elementare. Lo scorso dicembre le classi finite in quarantena erano state in totale 199. Nei mesi precedenti erano state 21 a settembre, 26 a ottobre e 43 a novembre.

REd.MM/M. Ang.
Condividi