San Vittore e sullo sfondo, Roveredo, coperti dallo smog dovuto alle emissioni dei camini
San Vittore e sullo sfondo, Roveredo, coperti dallo smog dovuto alle emissioni dei camini (RTR)

Tre mesi a tutto "gas"

I valori medi di PM10, diossido di azoto e ozono superati quasi ovunque tra ottobre e dicembre

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'inquinamento nell'aria negli ultimi giorni è nella norma oppure è eccessivo? I dati giornalieri fanno emergere una verità che non desta particolari allarmismi, ma analizzando le medie mensili degli ultimi tre mesi la realtà è radicalmente diversa: il limite stabilito dall'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico è stato superato in tutte le stazioni di misurazione (tranne a Brione sopra Minusio) sia a novembre sia a dicembre e in alcune località (Bioggio, Bodio, Chiasso, Mendrisio e Vezia) pure ottobre è stato un periodo molto "velenoso".

Valori di PM10 alle stelle in questi tre mesi
Valori di PM10 alle stelle in questi tre mesi (©Ti-Press/RSI)

Una "scorpacciata" di sostanze tossiche come polveri fini (PM10, microparticelle disperse nell'atmosfera), ozono (gas dannoso), diossido di azoto (altro agente irritante) il cui valore in alcuni casi (San Vittore, Chiasso e Mendrisio), è oltre il triplo del limite di 20 µg/m³ (il valore di microgrammi per metro cubo è più basso rispetto ai canonici 50 del limite giornaliero) e si aggira dai 65 ai 70.

I cantoni sono tenuti a prendere provvedimenti — nonostante le proteste dei cittadini — solo in caso di massicci incrementi quotidiani.

È sufficiente? Risponde Gianfranco Bolognini, pneumologo, specialista in malattie dell'apparato respiratorio e del membro del Gruppo operativo salute e ambiente ticinese: "No, in futuro la politica dovrà rivedere il sistema — dice l'esperto —. La Svizzera sta facendo molto e negli ultimi anni la qualità dell'aria è generalmente migliorata, anche se la maggior parte dell'inquinamento non è provocato dal traffico ma dalle industrie e dai riscaldamenti". Proprio per quest'ultimo "agente inquinante" nei Grigioni è stato elaborato un piano per migliorare l’efficienza degli impianti a legna da qui al 2032. A fare da apripista in materia è stata scelta la Bassa Mesolcina dove la concentrazione delle polveri fini è nettamente più elevata rispetto ad altre località della Svizzera italiana a causa della conformazione e delle condizioni termiche della zona.

Intanto non resta che sperare nella pioggia o nella neve... le precipitazioni dovrebbero arrivare, forse, sabato...

px

Per saperne di più: i dati dell'aria in tempo reale

Condividi