Puntando all'80% il Ticino, rileva Sadis,
Puntando all'80% il Ticino, rileva Sadis, "mirava alto" (©Ti-Press)

"Un risultato soddisfacente"

Così Laura Sadis sulla quota-parte del cantone del 70%, sui redditi dei frontalieri, negoziata con Roma

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una quota-parte del 70% per il cantone, sull'imposizione legata ai redditi dei frontalieri, rappresenterebbe un "risultato soddisfacente". È quanto ritiene Laura Sadis, con riferimento alle novità legate al nuovo accordo fra Svizzera e Italia per porre fine ai contenziosi fiscali fra i due paesi.

Il Ticino puntava tuttavia ad una quota del 80%. La ministra cantonale delle finanze osserva però, nella sua intervista rilasciata venerdì alle CSI, che "quando si tratta ci sono due parti" e che il Ticino evidentemente "mirava alto".

Più in generale, circa l'intesa destinata a sostituire quella risalente al lontano 1974, la consigliera di Stato rileva "indicazioni positive, che raccolgono gran parte degli auspici" formulati dal Ticino.

Vanno in questa direzione, sottolinea Sadis,  l'introduzione del principio di reciprocità, una "migliore definizione del lavoratore frontaliero" e il nuovo orientamento verso "un'imposizione ordinaria sia in Svizzera che in Italia del reddito dei lavoratori frontalieri".

CSI/ARi

Dal TG20

 

Dal TG20:

 

 

 

Condividi