Una Pasqua davvero speciale

Il Covid-19 ha messo a soqquadro riti e tradizioni creando scompiglio e incertezze - Una serata speciale dell'Info su La1

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Giovedì 9 aprile 2020, "giovedì santo" per la cristianità, giorno nel quale iniziavano le solenni celebrazioni che precedono la Pasqua. Iniziavano perché oggi non ci saranno né la commemorazione dell'ultima cena, né la lavanda dei piedi. Le celebrazioni liturgiche, dal 14 marzo scorso anche in Ticino, sono sospese. Le chiese non sono chiuse, ma i preti non possono celebrare la messa con i fedeli. È partendo da qui che, proprio stasera, lo speciale dell'Informazione, in onda su RSILa1 a partire dalle 21.00, racconterà una Pasqua davvero particolare. Lo farà passando dal sacro al profano attraversando la Svizzera italiana.

Quattro reportage - "La messa non è finita"; "Pasqua (quasi) senza capretti" (un'anticipazione nel video d'apertura); "Facciamo scorta… di saggezza" e "La sfida alla cassa" - ci porteranno dai luoghi dell'anima a quelli, chiusi, delle tavolate imbandite per poi concludersi tra i corridoi e gli scaffali dei supermercati cercando di scoprire come vivono questi giorni difficili le persone che lì ci lavorano.

Non mancheranno gli ospiti:

- in studio ci sarà Paolo Beltraminelli, già direttore del Dipartimento Sanità e socialità, ammalatosi e guarito dal Covid-19.

- in collegamento Skype: da Morcote Massimo Suter, presidente di Gastroticino e, da Lugano, Valerio Lazzeri, Vescovo della Diocesi.

Red. MM

Condividi