La sorpresa dell'anno: lo chef Patrick Mahler ha ottenuto direttamente due stelle (Keystone)

Una nuova stella brilla in Ticino

Il ristorante "La Brezza" di Ascona tra i 23 nuovi locali elvetici premiati dalla guida Michelin Svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una nuova stella ticinese brilla nel firmamento gastronomico svizzero. Il ristorante "La Brezza" dell'Eden Roc di Ascona (lo chef è Marco Campanella, scoperta dell’anno della GaultMillau 2019) è tra i 23 ritrovi svizzeri si sono visti attribuire una nuova stella dalla guida Michelin che ha confermato l’eccellenza di tre locali ai quali va il massimo riconoscimento (tre stelle): il "Restaurant de l'Hôtel de Ville" di Crissier (VD), lo "Schauenstein" di Fürstenau (GR) e il "Cheval Blanc by Peter Knogl" di Basilea.

Marco Campanella
Marco Campanella (@hoteledenroc)

La consegna si è svolta martedì al KKL di Lucerna in occasione della presentazione della Guida 2019 che sarà in commercio dall'8 febbraio. In totale i ristoranti stellati elvetici sono 128. Un primato storico. I locali con due stelle sono passati da 18 a 20, mentre quelli con una stella ora sono 105 (21 in più rispetto all'anno scorso, compreso Il K da Tim Raue di  St. Moritz). Il volume seleziona complessivamente 777 ristoranti e 458 hotel di tutte le categorie di prezzo.

Una menzione speciale è andata al paese di Vitznau, sul lago dei Quattro Cantoni. Il villaggio lucernese di 1’400 abitanti, vanta ben tre locali premiati. Patrick Mahler e il team del ristorante "Focus" sono stati la sorpresa dell'anno avendo ottenuto subito due allori. Ma ci sono anche il neostellato "Sens" e il "Prisma”.

 

Per la prima volta Michel ha attribuito un riconoscimento anche a una struttura presente in una scuola alberghiera: il ristorante "Le Berceau des Sens" dell'Ecole hôtelière di Losanna.

Tra i locali che hanno perso la stella o sono usciti dalla guida figura anche il Conca Bella di Vacallo.

Diem/ATS
Condividi