Sostegno alla viticoltura eroica

Il Quotidiano di mercoledì 12.01.2022

Uva frutto di fatiche a tratti eroiche

Terminata l'analisi sulla situazione dei vigneti in Ticino: un terzo di difficile gestione con 28 ettari coltivati in condizioni proibitive

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un'altra consistente parte dei vigneti ancora coltivati in Ticino rischia di scomparire nei prossimi anni, andando ad impoverire il paesaggio di uno dei suoi elementi più tradizionali. Non a causa dell'avanzare del cemento, ma per le difficoltà di gestione delle vigne che in alcuni casi sono enormi. Un terzo dei filari si trova infatti in zone con caratteristiche che non facilitano la vita dei viticoltori.

Lo ha accertato l'analisi svolta dall’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL di Cadenazzo che, dopo aver concentrato la sua attenzione sul Locarnese e il Bellinzonese, ha esteso il suo raggio d'azione a tutto il Ticino. A censimento concluso è stato determinato che su un totale di 1'151 ettari di viti in Ticino, quelli dove la lavorazione può essere definita agevolata o facilitata si estendono su 763 ettari. Il restante terzo presenta invece condizioni ritenute difficoltose (254 ettari), impegnative (104 ettari) o che richiedono un impegno addirittura eroico (28 ettari, pari al 2,5% del totale).

La classificazione, riportata in una mappa 1:25'000, è stata ottenuta usando cinque criteri applicati per analizzare la situazione delle singole aree vignate: pendenza, lontananza dalla strada, vicinanza del bosco, dislivello e morfologia. Per indurre i viticoltori a non continuare ad abbandonare lo sfruttamento dei vigneti anche se non presentano condizioni ideali, il settore chiede che la politica sostenga i loro sforzi, dando concretezza al fondo cantonale per salvare e valorizzare i vigneti tradizionali. In caso contrario non potrà non proseguire il fenomeno che negli ultimi tre decenni ha visto il Ticino perdere oltre il 40% dei suoi vigneti totali. Nelle zone meno facili la diminuzione è stata del 60%, proprio laddove la coltivazione dell'uva era fondamentale per la conservazione del paesaggio e la salvaguardia dei prodotti e delle caratteristiche del territorio.

Diem/Quot
Condividi