Gotthard - One life, One soul

Sotto le stelle e a suon di rock per chiudere Locarno70

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“Let me find my piece of Heaven
Let me find my way back home
I want this love to last forever
And back together, rise once again
From the ashes to the Sky”

Avete riconosciuto le parole? Sì, sono proprio di Heaven della rock band svizzera: i Gotthard!

Ebbene sì, Locarno70 chiuderà i battenti con il documentario – in anteprima mondiale – di Kevin Merz: Gotthard – One life, One soul (coproduzione Amka Films/RSI). E come dare torto agli organizzatori? La rock band, nata nei primi anni ’90, è fondamentale per la storia della musica del nostro territorio, e non solo.

Da immagini di archivio, a riprese dei concerti a quelle delle prove, Kevin Merz produce un documentario del tutto originale.

 

Quando decisero di fondare quella che sarebbe diventata una delle rock band svizzere di maggior successo di tutti i tempi, forse Steve Lee e Leo Leoni non si aspettavano questo successo. Non lo sapevano, ma quest'avventura avrebbe cambiato la loro vita per sempre.

Oggi, dopo 25 anni di successo, dopo 15 album classificati al primo posto e svariati dischi di platino sono un punto fermo nel panorama internazionale. Hanno suonato con grandissimi nomi: dai Deep Purple, Bryan Adams, Bon Jovi agli AC/DC.

Poi nel 2010 la tragedia: Steve Lee muore in un incidente stradale negli Stati Uniti. I Gotthard si fermano per un anno e mezzo. Nel 2011 “Homegrown – Alive in Lugano” è una nuova partenza per la band. Il nuovo cantante dei Gotthard è Nic Maender. È con Firebirth che rendono omaggio al rock’n’roll, sancendo la ritrovata gioia nel fare musica. Dopo questo, gli altri sono un successo dopo l’altro, e oggi celebrano il loro 25° anniversario con il nuovissimo album Silver.

Grandi, grandissimi e amati da tutto il pubblico svizzero (e non solo), i Gotthard saranno presenti alla proiezione di sabato 12 agosto e… saliranno sul palcoscenico.

Buona visione e buona chiusura di Locarno70! 

MMINO

Condividi