Katharina Wyss a Venezia (RSI)

I drammi interiori dell'adolescenza

Un film svizzero alla Settimana della critica di Venezia

lunedì 04/09/17 17:28 - ultimo aggiornamento: martedì 05/09/17 21:08

La regista Katharina Wyss, al suo primo lungometraggio, convince grazie ad una storia forte, interpretata da una giovanissima e brava attrice.

Sarah joue un loup-garou, presentato nella Settimana internazionale della critica, racconta l’incomunicabilità di un’adolescenza violata. La protagonista, il volto dell’esordiente Loane Balthazar, adora scrivere, ascoltare l’opera e immedesimarsi nelle eroine delle tragedie romantiche. Il suo è un temperamento emotivamente in ebollizione, questa sua intensità nasconde però un segreto che inesorabilmente la allontanerà da tutti: compagni di classe, amici, primi amori e insegnanti.

La parabola di Sarah è ambientata tra le mura familiari e le lezioni di teatro, e sono proprio quest’ultime ad arricchire il film di una componente fresca e originale che restituisce appieno le passioni e le difficoltà relazionali di uno dei momenti più fragili e allo stesso tempo più fertili della nostra condizione di esseri umani.

La Wyss ha voluto misurarsi con temi complessi dichiarando di essersi ispirata ad una storia vera, inoltre si è anche fatta aiutare da insegnanti e registi che lavorano abitualmente con i ragazzi. Un buon lavoro che lascerà il segno, soprattutto non passera inosservata la giovane protagonista: intensa, mai sopra le righe, autentica in un ruolo molto complesso.

Moira Bubola

TG 20 di lunedì 04.09.2017  

View the story "Polvere di stelle veneziane" on Storify

 

 

Seguici con