Le opere di Banksy a Lugano

La mostra "Building Castles in the Sky" apre a Villa Ciani - L'abbiamo visitata

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo essere stata vista da oltre 80'000 persone nella primavera scorsa a Basilea e prima di approdare a New York, la mostra "Bansky, building castles in the sky" arriva da mercoledì a Lugano, a Villa Ciani. Sono oltre 100 le opere originali esposte, tra dipinti, serigrafie in edizione limitata, sculture e oggetti che ripercorrono 20 anni di attività.

Perché l'esponente della street art ha così tanto successo? "La risposta è un mistero", secondo Stefano Antonelli, uno dei curatori, come è un mistero la sua identità, ancora sconosciuta "benché si tratti probabilmente dell'artista contemporaneo più noto al mondo".

 

Il britannico ha saputo coniugare la riuscita sul mercato dell'arte con la capacità di sfondare nella cultura di massa. "Forse è stato il primo artista le cui immagini sono state concepite per i social media e il nostro cellulare", ha raccontato a SEIDISERA Magazine.

Basti pensare alla bambina con il palloncino rosso, perfettamente nitida e comprensibile su Instagram. Oggi "ogni volta che si muove e fa qualcosa, diventa una notizia, cosa che non succede per nessun altro", ricorda Antonelli. E lo stesso Banksy (che non è coinvolto nell'organizzazione della mostra) lo aveva profetizzato in un libro nel 2004, quando era ancora sconosciuto: "Il mio scopo è quello di trasformare un atto di vandalismo in un  fenomeno mediatico globale".

RedMM
Condividi