Soldati europei e africani a difesa di edifici storici a Timbuctu
Soldati europei e africani a difesa di edifici storici a Timbuctu (Reuters)

Timbuctu, mausolei "soccorsi"

Iniziata l'opera di restauro degli edifici sacri devastati dagli jihadisti nella mitica città maliana

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Giovedì è partito ufficialmente il restauro dei primi mausolei distrutti dagli jihadisti a Timbuctu, l'antichissima città maliana simbolo della ferocia degli integralisti contro l'Islam moderato e la cultura. Gli edifici sono quelli che onorano i "333 Santi dell'Islam", religiosi tuttora al centro di una venerazione e per questo odiati dagli jihadisti che li considerano il simbolo di una religione che ha perso la purezza originaria.

Timbuctu cadde nelle mani dell’IS nel 2012 e, dalla presa della città, i miliziani imposero alla popolazione la sharia nella sua forma più dura. Armati di vanghe e badili, i miliziani, dopo averne bruciato gli arredi interni, demolirono con sistematica ferocia gli edifici sacri, incuranti delle proteste dei fedeli.

A gennaio, i miliziani islamici, sotto la spinta dell'offensiva del contingente militare africano a guida francese, sono stati costretti a lasciare Timbuctu, lasciandosi alle spalle morte, terrore e distruzione del patrimonio culturale del "gioiello del deserto" maliano.

Red. MM/ATS/EnCa

Condividi