La testa femminile del 1962 spiccava sulla locandina a inizio conferenza stampa
La testa femminile del 1962 spiccava sulla locandina a inizio conferenza stampa (© Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi)

Uno sguardo diverso su Picasso

Presentata la mostra che sarà aperta da domenica al MASI

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I lavori su carta (105) e la scultura (15 pezzi) di Pablo Picasso saranno al centro della mostra "Picasso, uno sguardo differente" che il Museo d'arte della Svizzera italiana ospita da domenica al 17 giugno. Realizzata in collaborazione con il Musée National Picasso di Parigi e curata da Carmen Giménez, una delle principali esperte dell'artista spagnolo, l'esposizione comprende in parte capolavori e in parte opere sconosciute al grande pubblico e mai esposte prima.

La curatrice Carmen Giménez
La curatrice Carmen Giménez (© Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi)

Nel cimentarsi con la carta Picasso si confrontò con il disegno, l'acquerello, il collage, il pastello, il gessetto, il carboncino e l'inchiostro, si ricorda nel comunicato di presentazione dell'evento.

 

Oltre alla varietà di tecniche, viene abbracciato anche un ampio arco temporale, che va dal cubismo analitico del "Nudo in piedi" del 1910 e quello sintetico della natura morta "Bicchiere, bottiglia di vino, pacchetto di tabacco, giornale" del 1914 fino al "Minotauro ferito, cavallo e figure" (1936), che anticipa il celebre "Guernica", e agli schizzi per il murale dell'UNESCO del 1957. Si passa dalla "Testa femminile" del 1909 a quella del 1962.

pon

Picasso al LAC

Picasso al LAC

Il Quotidiano di venerdì 16.03.2018

Per saperne di più:

Picasso al MASI

Condividi