Sanno
Sanno "riconoscere" le cellule tumorali grazie a una molecola specifica (keystone)

Nanorobot affamano il cancro

Cauterizzano i vasi sanguigni che nutrono la cellula cancerogena: risultati positivi nei test sui topi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sono dei nanorobot ottenuti ripiegando frammenti di DNA. Viaggiano nell’organismo e uccidono i tumori affamandoli, perché sono in grado di chiudere i vasi sanguigni che li nutrono. È questo il risultato della ricerca condotta in Cina dal Centro nazionale per le nanoscienze e pubblicata sulla rivista Nature Biotechnology: microscopici foglietti di Dna, delle dimensioni 90 per 60 milionesimi di millimetro, su cui viene attaccato l’enzima trombina, che induce la formazione di coaguli che chiudono i vasi sanguigni del tumore.

I risultati di test condotti su topi - nei quali sono state riprodotte forme umane dei tumori di seno, ovaie, polmoni e pelle - sono positivi: “Abbiamo sviluppato il primo sistema robotico fatto di DNA e completamente autonomo, programmato per una terapia anticancro", ha detto uno degli autori dello studio, Hao Yan, dell'Università dell'Arizona.

I nanorobot hanno viaggiato nel sangue dei topi e hanno “riconosciuto” le cellule tumorali grazie a una molecola specifica. Arrivati a destinazione, hanno liberato l'enzima nel tumore come un cavallo di Troia.

ANSA/BRav

Condividi