L'obesità è un'epidemia
L'obesità è un'epidemia (keystone)

Meno pubblicità, giù la ciccia

Limitare il tempo dedicato in TV a spot di alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sale potrebbe dare un contributo alla riduzione dell'obesità infantile

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Limitare il tempo in televisione dedicato a pubblicità di cibi e bevande ricche di grassi, zuccheri e sale potrebbe dare un contributo alla riduzione dell'obesità infantile. Lo rileva una ricerca guidata dall'università di Cambridge, nel Regno Unito, pubblicata su Plos Medicine.

Bibita liscia o tassata?

Bibita liscia o tassata?

di Emanuele Di Marco e Remy Storni (Patti chiari, 5.10.2018)

 

Lo studio spiega che se tutta la pubblicità di cibi e bevande ricche di grassi, zuccheri e sale nel Regno Unito fosse bloccata fino alle 21.00, i 3,7 milioni di bambini britannici vedrebbero in media 1,5 annunci di questo tipo in meno al giorno e diminuirebbero il loro apporto calorico in media di 9,1 chilocalorie (kcal, quelle che nel linguaggio comune sono generalmente dette "calorie").

Ciò ridurrebbe il numero di bambini di età compresa tra 5 e 17 anni con obesità del 4,6% e quello di bimbi considerati in sovrappeso del 3,6%. L'equivalente di 40'000 bambini in meno sull'isola con obesità e 120'000 in meno classificati come sovrappeso, con un vantaggio monetario di 7,4 miliardi di sterline (8,8 miliardi di franchi al cambio attuale).

ATS/joe.p.
Condividi