Mondo

Israeliani ancora in piazza contro Netanyahu

Migliaia di persone tornano a chiedere le dimissioni del premier - La polizia disperde la folla davanti alla Knesset

  • 2 April, 21:30
  • 2 April, 21:32
  • INFO
607341095_highres.jpg

Manifestanti anti-governativi protestano fuori dalla Knesset (2 aprile 2024)

  • keystone
Di: ATS/RSI Info

Migliaia di israeliani, tra cui molti parenti di ostaggi detenuti a Gaza, hanno manifestato nuovamente a Gerusalemme, martedì sera, per chiedere le dimissioni del primo ministro Benjamin Netanyahu, accusato di aver “tradito” la fiducia del popolo.

“State conducendo una campagna contro di me, contro le famiglie degli ostaggi, vi siete rivoltati contro di noi. Ci chiamate traditori quando siete VOI il traditore, un traditore del vostro popolo, dei vostri elettori, dello Stato di Israele”, ha gridato Einav Zangauker al microfono. Suo figlio Matan è uno dei 250 ostaggi rapiti dal movimento islamista palestinese Hamas in un attacco senza precedenti contro Israele il 7 ottobre, che ha scatenato la guerra nella Striscia di Gaza. Circa 134 di loro si trovano ancora in territorio palestinese. “Siete responsabili del 7 ottobre in ogni modo possibile, siete un ostacolo a un accordo sugli ostaggi, non ci lasciate scelta, dovete cedere. E noi continueremo a perseguirvi e non avrete né giorno né notte, finché mio figlio Matan non avrà né giorno né notte”, ha detto la signora Zangauker davanti al Parlamento, di fronte ai manifestanti riuniti prima a Tel Aviv e poi a Gerusalemme per la quarta sera da sabato.

L’ex premier laburista Ehud Barak l’ha seguita nel chiedere “elezioni subito”: “l’ingresso dell’esercito a Rafah (promesso dal governo, ndr) avverrà tra qualche settimana, ma l’eliminazione di Hamas tra qualche mese, e per allora tutti gli ostaggi saranno di nuovo nelle bare”, ha avvertito, giudicando che “anche se il rilascio degli ostaggi implica un cessate il fuoco, Hamas può essere schiacciato”.

Dopo settimane di manifestazioni ogni sabato a Tel Aviv, gli oppositori e alcune famiglie degli ostaggi si sono uniti per gridare la loro rabbia ogni sera, da domenica, davanti alla Knesset. Molti passano la notte in un centinaio di tende.

Nurit Steinfeld, una pensionata di 72 anni, ha detto all’AFP, che “questo Paese potrebbe non esistere ancora per molto, perché ci sentiamo minacciati dall’esterno ma soprattutto dall’interno, con metà del Paese che sostiene un governo che considero criminale e corrotto”. “Molti di noi si sentono in ostaggio (...). Entrambe le parti non ci ascoltano, preferiscono uccidersi a vicenda”, ha aggiunto.

La folla espone bandiere israeliane e cartelli con la scritta “Riportateli a casa ora! Tra un discorso e l’altro, i partecipanti hanno gridato “Elezioni subito!”.

Merav Svirsky ha perso i genitori il 7 ottobre nel massacro del Kibbutz Beeri e suo fratello Itay è stato rapito e ucciso. Per lei, il Primo Ministro “deve andarsene”. “Sono stata ingenua, non ho capito che il nostro Primo Ministro non era interessato al loro ritorno, per motivi politici”, ha detto ai manifestanti, spesso commossi.

Gilad Graber, 72 anni, ex pilota e combattente nella guerra arabo-israeliana del 1973, ha dormito in tenda sul posto. Già prima della guerra, partecipava a manifestazioni contro la riforma giudiziaria del governo di Netanyahu. “Stiamo facendo tutto il possibile per cacciare (il Primo Ministro), finora senza successo, ma continueremo finché non ci riusciremo”, ha dichiarato all’AFP, ritenendo che “sia la principale minaccia alla sicurezza di Israele, più dell’Iran, di Hamas o di Hezbollah”.

Per Omri Rotem, 31 anni, che ha accompagnato un carro per la pace con rami d’ulivo e disegni di colombe, “tutti i principali accordi di pace arrivano dopo le guerre. Perché non cogliere questa opportunità e porre fine a tutto questo adesso?

Gaza, uccisi sette operatori umanitari

Telegiornale 02.04.2024, 20:00

USA, Schumer critica Netanyahu

Telegiornale 14.03.2024, 20:00

Guerra a Gaza, Netanyahu sempre più solo

Telegiornale 20.01.2024, 20:00

Netanyahu sempre meno popolare

Telegiornale 14.01.2024, 20:00

Correlati

Ti potrebbe interessare