Mondo

Turchia, le responsabilità negate

Sono quasi passati due mesi dal terremoto del 6 febbraio che ha colpito il sud del paese e il nord della Siria - Viaggio tra omertà, fede religiosa e colpe umane

  • 1 April 2023, 11:48
  • 24 June 2023, 04:12
  • INFO

Turchia, le responsabilità dell'Apocalisse

Di: Italo Rondinella

L’equinozio di primavera del 2023 - che è anche il momento in cui sto scrivendo questo articolo - è il periodo di precisa equidistanza tra un evento naturale, appena trascorso, che ha sconvolto - e sta sconvolgendo - la Turchia e un evento umano futuro che potrebbe comportare, nel Paese, una svolta epocale sul piano politico.

Una delle tante fosse aperte alla periferia della città per mancanza di spazio nei cimiteri comunali

Una delle tante fosse aperte alla periferia della città per mancanza di spazio nei cimiteri comunali

  • Italo Rondinella

Mi riferisco, naturalmente, al devastante terremoto del 6 febbraio scorso e alle elezioni generali del 14 maggio prossimo venturo. La correlazione tra questi due eventi rileva soprattutto laddove le responsabilità politiche del primo condizionano fortemente l’esito del secondo. Tenendo in considerazione il fatto che il terremoto ha colpito un’area molto vasta, popolata da circa 13 milioni e mezzo di persone, che rappresentano - con un margine di approssimazione - ⅙ del corpo elettorale.

Una donna siriana lava i panni, utilizzando l’acqua della fontana di uno dei cimiteri cittadini

Una donna siriana lava i panni, utilizzando l’acqua della fontana di uno dei cimiteri cittadini

  • Italo Rondinella

Siamo pertanto tornati nelle zone del sisma per capire che cosa pensi la gente a riguardo. Siamo andati ad Antiochia, tra le città più duramente colpite, sia sul piano del danno architettonico e urbanistico, sia perché qui si sono verificati gravissimi ritardi nei soccorsi e carenze nella gestione dell’emergenza che hanno comportato un enorme numero di decessi che, forse, si potevano evitare.

Quel che resta di un negozio di abbigliamento in una via dello shopping

Quel che resta di un negozio di abbigliamento in una via dello shopping

  • Italo Rondinella

Accade di frequente che le persone non vogliano parlare di responsabilità politiche o di trovarne altre che, condizionate dal proprio conservatorismo religioso, neghino espressamente l’esistenza di colpe nella pianificazione del territorio da parte delle autorità competenti, sia che si tratti delle amministrazioni locali che, men che meno, del governo centrale, attribuendo al volere di dio, del fato o del destino, le conseguenze catastrofiche del terremoto.

Ma oltre a coloro che non vogliono parlare e a coloro che non vogliono vedere, ci sono pure quelli che le responsabilità politiche le vedono e hanno voglia di denunciarle, auspicando che proprio dal fondo di queste macerie il Paese possa voltare pagina e cominciare una storia nuova.

SEIDISERA del 31.03.2023: Aperta la campagna elettorale in Turchia

  • Keystone
  • 31.03.2023
  • 16:53

Ti potrebbe interessare