Svizzera

AVS 21, ecco il referendum

Lo ha annunciato il sindacato Travail.Suisse che si scaglia contro l’innalzamento dell’età pensionabile femminile: “Riforma fatta sulle spalle delle donne”

  • 22 dicembre 2021, 16:38
  • 4 ottobre 2023, 17:36
  • INFO
Di: ATS/dielle

Come previsto il progetto di riforma del Primo pilastro denominata AVS 21 sarà oggetto di un voto popolare. Il comitato direttore di Travail.Suisse ha infatti deciso oggi, mercoledì, di lanciare il referendum, denunciando un progetto “fatto sulle spalle delle donne”.

Le Camere federali hanno approvato la riforma dell'AVS durante la sessione invernale conclusasi la settimana scorsa (vedi correlati). Contrari all'innalzamento dell'età pensionabile per le donne, PS e Verdi già durante i dibattiti avevano annunciato che avrebbero sostenuto un referendum, che formalmente non sarebbe necessario: il decreto federale sull'aumento dell'IVA comporta infatti una modifica costituzionale che sottostà a votazione popolare obbligatoria. Se il referendum riuscirà, il popolo - e i cantoni - dovranno quindi esprimersi due volte su uno stesso tema. La riforma potrà entrare in vigore solo se verranno accettati entrambi gli oggetti.

“Gran parte del costo della riforma sarà sostenuto dalle donne attraverso l'innalzamento dell'età pensionabile da 64 a 65 anni”, denuncia Travail.Suisse in una nota. Le donne pensionate sono già oggi massicciamente svantaggiate e in più devono assumersi i costi di questa riforma, è "intollerabile e inaccettabile", sostiene nel comunicato la vicepresidente del sindacato e consigliera nazionale dei Verdi Léonore Porchet.

La riforma non tiene insomma conto del fatto che le pensioni delle donne - Primo e Secondo pilastro - sono globalmente inferiori di un terzo a quelle degli uomini. “Senza contare che nessuna misura è stata presa per combattere la discriminazione salariale delle donne, che causa mancati introiti per 825 milioni di franchi all'anno per l'AVS. Una sua eliminazione porterebbe un vantaggio maggiore rispetto all'innalzamento dell'età pensionabile” sostiene Travail.Suisse.

Il sindacato critica poi i provvedimenti decisi per la generazione transitoria, ossia un supplemento di rendita o condizioni più favorevoli per il pensionamento anticipato: "Queste due misure non possono essere combinate" deplora Travail.Suisse.

La riforma per gli oppositori è criticabile anche perché non permette di risolvere il problema di finanziamento dell'AVS: il previsto aumento dell'IVA - altro elemento faro di AVS 21 - e l'aumento da 64 a 65 dell'età pensionabile delle donne non impedirà al Primo pilastro di essere nuovamente confrontato a problemi di finanziamento già nel 2026.

Al sindacato non piace neppure la possibilità per tutti di anticipare o rinviare la totalità o una parte della rendita tra i 63 e i 70 anni. In origine, il Consiglio federale aveva chiesto che il pensionamento anticipato fosse possibile dai 62 anni, un punto non contestato previsto nel progetto Previdenza 2020, poi bocciato alle urne.

Riforma AVS è cosa fatta

Telegiornale 15.12.2021, 21:00

Ti potrebbe interessare