Svizzera

Accesso al lavoro più agevolato per i rifugiati ucraini

Il Consiglio Nazionale ha approvato la mozione che chiede di trasformare l’obbligo di autorizzazione in una semplice notifica - Gli Stati devono ancora pronunciarsi

  • 19 dicembre 2023, 12:16
  • INFO
557896030_highres.jpg

La manifestazione dello scorso marzo, davanti a Palazzo federale a Berna, contro la guerra in Ucraina

  • Keystone
Di: RSI Info

I rifugiati ucraini con statuto di protezione S dovrebbero avere un accesso agevolato al mercato del lavoro. Il Consiglio nazionale ha approvato martedì - con 128 voti contro 64 - una mozione in tal senso della sua Commissione delle istituzioni politiche. Il Consiglio degli Stati deve ancora pronunciarsi.

Attualmente, le persone con lo status di protezione S sono soggette all’obbligo di autorizzazione se vogliono esercitare un’attività lucrativa o cambiare impiego, ha dichiarato Greta Gysin (Verdi/TI) a nome della commissione. Secondo l’ecologista ticinese, i rapporti di lavoro con queste persone non dovrebbero più sottostare ad autorizzazione, ma solo a una notifica.

L’obiettivo è di ridurre gli ostacoli amministrativi all’assunzione delle queste persone e di migliorare la loro integrazione nel mercato del lavoro. I rifugiati ucraini verrebbero trattati come chi ha lo statuto di ammissione provvisoria (permesso F).

L’UDC si è opposta invano alla mozione. “Stiamo estendendo un privilegio allo statuto S, mentre i rifugiati ucraini hanno già la possibilità di recarsi nel loro Paese d’origine per 60 giorni”, ha dichiarato Martina Bircher (UDC/AG).

Il Consiglio federale ha invece sostenuto la mozione. “Non si tratta di un ulteriore privilegio, ma di una facilitazione per i rifugiati e i datori di lavoro”, ha sottolineato la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia, Elisabeth Baume-Schneider. Dei 66’000 Ucraini in Svizzera, il 20% lavora attualmente, “il che è già promettente”. Il Consiglio federale punta a raggiungere il 40% entro il 2024.

Un ucraino su tre vuole tornare a casa

Telegiornale 18.12.2023, 12:30

Correlati

Ti potrebbe interessare