Svizzera

Casse malati, in vista un’altra stangata

Il ministro della sanità Alain Berset annuncia gli importi dei premi per il 2024, che si preannunciano in rialzo

  • 26 September 2023, 04:22
  • 26 September 2023, 06:28
  • INFO
Di:ATS/Swing

Il ministro della sanità e presidente della Confederazione Alain Berset, per l’ultima volta nella sua carriera, annuncerà, oggi, martedì, i premi dell’assicurazione malattia. Dopo un incremento del 6,6% quest’anno, gli esperti prevedono un’ulteriore impennata dei premi nel 2024.

Secondo l’associazione di assicuratori malattia Santésuisse, nel primo semestre del 2023 i costi sanitari sono aumentati del 7,9%. I costi per persona assicurata hanno raggiunto i 2’240 franchi nell’assicurazione di base obbligatoria, una progressione del 6,4% rispetto all’anno precedente. Il fatto che l’aumento pro capite sia inferiore a quello dei costi totali è dovuto alla crescita demografica.

Poiché i premi sono fissati su base cantonale, gli aumenti dei costi particolarmente elevati nei cantoni di Uri (13,3%) e Berna (10,5%) fanno prevedere gli incrementi più significativi. Santésuisse si aspettava un’esplosione dei premi dell’8-9%.

La direttrice di Santésuisse Verena Nold aveva già chiarito in interviste precedenti che nel 2024 gli assicuratori non sarebbero riusciti a evitare aumenti dei premi superiori alla media. Le casse malattia non sarebbero in grado di contenere l’aumento a causa della riduzione delle loro riserve, auspicata a livello politico.

Premi più alti del 6%

L’aumento della burocrazia, i farmaci a basso prezzo non disponibili, l’aumento delle psicoterapie, l’attuazione dell’iniziativa sulle cure infermieristiche e il maggior numero di persone con disturbi diffusi hanno portato a una crescita più marcata dei costi.

A giugno, il portale di confronti internet Comparis prevedeva che per l’assicurazione sanitaria di base i premi sarebbero progrediti in media del 6% nel Paese. Alcune casse malattia potrebbero addirittura aumentare i premi del 10%.

L’esperto di Comparis, Felix Schneuwly, ha ipotizzato che i premi negli ultimi anni sarebbero aumentati solo di circa il 2,5% all’anno per persona senza la riduzione delle riserve decretata a livello politico. Dall’introduzione dell’assicurazione sanitaria obbligatoria nel 1996, i premi sono cresciuti in media del 3,5% all’anno. Nel 2021 si è registrata una rara diminuzione dello 0,2%.

Nella sessione autunnale, il Parlamento ha deciso di obbligare i Cantoni a contribuire maggiormente alla riduzione dei premi. In futuro, dovranno destinare una quota minima compresa tra il 3,5 e il 7,5% dei costi cantonali dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Ciò significa per i Cantoni costi aggiuntivi di 365 milioni di franchi. Nel 2022, la maggior parte delle autorità cantonali aveva tagliato il budget per le riduzioni. Pertanto, 21 Cantoni non hanno esaurito la capacità di diminuzione possibile.

La Confederazione, invece, ha aumentato ogni anno il suo contributo. Le riduzioni dei premi sono finanziate congiuntamente dalla Confederazione e dai Cantoni. Il contributo federale è fissato al 7,5% dei costi lordi.

Torna l'ipotesi di una cassa malati unica

Telegiornale 21:01 di domenica 24.09.2023

  • 24.09.2023
  • 19:01

Correlati

Ti potrebbe interessare