Svizzera

Fotovoltaico, nessun obbligo per gli edifici esistenti

L’offensiva solare va estesa, sostiene il Nazionale, ma pannelli dovranno essere posizionati solo sulle nuove grandi costruzioni o in caso di ingenti rinnovamenti

  • 14 marzo 2023, 12:59
  • 12 settembre 2023, 15:04
  • INFO

RG 12.30 del 14.03.2023 Il servizio di Anna Riva

RSI Svizzera 14.03.2023, 12:53

  • Archivio keystone
Di: ATS/Red.MM

L'offensiva solare va estesa, ma non deve riguardare gli edifici già esistenti. Lo ha stabilito oggi, martedì, il Consiglio nazionale, proseguendo l'esame della Legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro con le energie rinnovabili. Il dibattito, iniziato ieri, andrà avanti fino nel primo pomeriggio, poi sarà interrotto e portato a termine domani.

Costruzioni nuove e rinnovamenti

Riguardo all'applicazione di pannelli solari sugli immobili, la Camera del popolo ha scelto una via di mezzo, proposta da Jacqueline de Quattro (PLR/VD). Questi dovranno essere installati sulle costruzioni nuove e in caso di rinnovamenti importanti. La commissione preparatoria avrebbe voluto estendere l'imposizione anche agli edifici già esistenti con una superficie superiore a 300 metri quadrati (fatto eccetto per quelli abitativi), ma è stata sconfitta per 159 a 32.

Obbligo pannelli fotovoltaici sulle nuove costruzioni

Telegiornale 14.03.2023, 20:00

La destra - come Governo e Stati - puntava invece a confermare il diritto vigente, che prevede impianti solari unicamente per gli stabili nuovi con una superficie determinante di oltre 300 metri quadrati. "Economia e proprietari non vogliono troppi obblighi, sarebbe controproducente e costoso", ha avvertito Christian Imark (UDC/SO), mentre il consigliere federale Albert Rösti, presente in aula, si è detto preoccupato del giudizio popolare su questo punto in un eventuale scrutinio federale. Al voto la soluzione de Quattro si è però imposta ancora (103 a 87).

Un'altra minoranza, di stampo ecologista, avrebbe al contrario preferito spingersi più in là e veder sorgere i pannelli sui tetti o le facciate di tutti gli edifici, sia nuovi sia esistenti, ma a sua volta non ha avuto chance in fase di votazione. "C'è molto potenziale in questo ambito", ha cercato di convincere i colleghi Kurt Egger (Verdi/TG).

Confederazione e Cantoni da esempio

Inoltre, visto che Confederazione e Cantoni dovranno assumere un ruolo esemplare in materia di efficacia energetica, saranno dotati di pannelli gli spazi che vi si prestano delle infrastrutture dell'Amministrazione federale e delle imprese parastatali. Saranno possibili eccezioni.

Il Nazionale intende poi coprire entro il 2030 con tetti dotati di impianti in grado di sfruttare l'energia del Sole i nuovi parcheggi all'aperto permanenti di grandi dimensioni (più di 250 metri quadrati). Ha sostenuto così una proposta di Lorenz Hess (Centro/BE).

Ulteriori provvedimenti riguardanti il miglioramento dell'efficienza sono invece stati respinti, come già successo durante il passaggio del dossier agli Stati. Niente da fare dunque per l'obbligo di sostituire i riscaldamenti e i boiler elettrici che la sinistra voleva inserire nella legge, così come per quello di installare sistemi intelligenti di controllo del riscaldamento nelle residenze di vacanza, perorato dalla maggioranza della commissione ma murato (per 102 a 90) dal campo borghese.

Innalzare la diga del Sambuco

Il Quotidiano 10.03.2023, 19:00

Via libera a 15 progetti idroelettrici

Fra le decisioni prese nel secondo giorno di dibattito sull'approvvigionamento c'è anche il via libera (che segue quello degli Stati) a una quindicina di progetti idroelettrici, che costituiranno la quota principale nell'aumento della produzione. Erano stati promossi da una tavola rotonda che comprendeva rappresentanti della Confederazione e dei cantoni, oltre che del settore.

Radiogiornale delle 07.00 del 14.03.2023: il servizio di Aaron Guidotti

RSI Svizzera 14.03.2023, 12:59

Correlati

Ti potrebbe interessare