Svizzera

Fracking: BNS sotto accusa

Investe miliardi, afferma un collettivo, in società attive nella fratturazione del sottosuolo per estrarre petrolio e gas di scisto

  • 23 November 2023, 10:13
  • INFO
2019-10-03T040735Z_1835665286_RC1E50DF0990_RTRMADP_3_CHEVRON-PERMIAN.JPG

Il metodo consiste nel fratturare strati rocciosi nel sottosuolo, attraverso la pressione di fluidi, in genere acqua, per poi recuperare idrocarburi. È molto controverso per l'impatto ambientale e i rischi di natura sismica

  • archivio reuters
Di: ATS/ARi

La Banca nazionale investe miliardi in imprese attive nel fracking, un sistema assai inquinante per l’estrazione di idrocarburi, che si basa sulla fratturazione idraulica di strati del sottosuolo. A lanciare l’accusa è “Coalizione BNS”, un collettivo composto da ONG e singole persone.

Un rapporto che ha pubblicato oggi, giovedì, enumera attivi in una settantina di società, per un ammontare superiore a 9 miliardi di dollari.  Con questi investimenti la BNS “è responsabile di emissioni di gas serra dovute al fracking per circa 7 milioni di tonnellate di CO2; quanto l’agricoltura svizzera nel suo insieme”, sostiene il collettivo, invocando più trasparenza nella sua strategia di investimenti.

Per parte sua l’istituto d’emissione dichiara di non prendere posizione su singoli investimenti, assicurando però di astenersi dall’investire in società “i cui prodotti e i processi produttivi violano palesemente valori sociali ampiamente riconosciuti”; segnatamente quelle “che causano in modo sistematico gravi danni all’ambiente”.

Fracking, moratoria nel Regno Unito

Telegiornale 13:30 di domenica 03.11.2019

  • 03.11.2019
  • 12:30

Correlati

Ti potrebbe interessare