Svizzera

I manager svizzeri credono nell’IA, i dipendenti la temono

Uno studio quantifica in 92 miliardi il valore aggiunto per le imprese elvetiche entro il 2030, mentre il 48% dei lavoratori teme di perdere l’impiego a causa dell’intelligenza artificiale

  • 28 maggio, 08:16
  • 28 maggio, 08:31
  • INFO
L'impatto della tecnologia sul mondo del lavoro.jpg

L'impatto della tecnologia sul mondo del lavoro

  • Keystone
Di: ATS/RSI Info

La maggioranza dei manager svizzeri ritiene che l’intelligenza artificiale generativa (IA generativa) sia un importante motore di crescita per la propria azienda, molto più della riduzione dei costi. Questi sono i risultati di uno studio della società di consulenza strategica Accenture.

L’intelligenza artificiale generativa dovrebbe generare un valore aggiunto aggiuntivo di 92 miliardi di franchi svizzeri entro il 2030, secondo le stime di Accenture pubblicate martedì.

Allo stesso tempo, quasi la metà delle aziende non è ancora pronta a utilizzare l’IA. Solo il 42% dei dirigenti in Svizzera si sente molto preparato a gestire i cambiamenti nel settore tecnologico, rispetto al 53% a livello mondiale. Tuttavia, il 91% di loro ritiene che questo sviluppo contribuirà maggiormente alla crescita dei ricavi rispetto a un taglio delle spese.

Per quanto riguarda i dipendenti, essi sono già molto aperti alla tecnologia. Secondo lo studio, l’85% di loro afferma di utilizzare già l’IA nel proprio lavoro. Tuttavia, il loro atteggiamento nei confronti della sicurezza del lavoro, della qualità del lavoro e del benessere generale sul posto di lavoro è ancora cauto: il 48% teme di perdere il lavoro a causa dell’IA.

Lo studio di Accenture indica un potenziale di miglioramento nell’utilizzo dell’IA da parte delle aziende svizzere. Attualmente, solo il 2% di esse sta sviluppando iniziative di IA.

UE, sì alla legge sull'intelligenza artificiale

Telegiornale 21.05.2024, 20:00

Correlati

Ti potrebbe interessare