Svizzera

Swiss non vola su Beirut e Tel Aviv

In seguito all’attacco iraniano della scorsa notte, al momento si allungano anche i tempi di viaggio tra Zurigo e diverse destinazioni asiatiche

  • 14 aprile, 16:33
  • 14 aprile, 16:34
  • INFO
  • HAMAS ISRAELE
Un velivolo A330 di Swiss

Un velivolo A330 di Swiss

  • Keystone
Di: Pa.St.

Il lancio di droni e missili dall’Iran. Poi la chiusura degli spazi aerei di Iran, Iraq, Giordania, Libano e Israele. Nella notte tra sabato e domenica i cieli del Medio Oriente si sono letteralmente svuotati a causa dell’attacco iraniano contro Israele, con ripercussioni sul traffico aereo tra Asia ed Europa.

Tanto che due velivoli Swiss decollati da Nuova Delhi e Singapore e diretti a Zurigo, per esempio, hanno dovuto seguire una rotta più lunga. E domenica mattina entrambi hanno dovuto fare scalo a Vienna per effettuare un rifornimento di carburante.

traffico aereo in medio oriente nella notte tra il 13 e il 14 aprile 2024

Il traffico aereo in Medio Oriente nella notte tra il 13 e il 14 aprile 2024

  • Flightradar24/Reuters

Novanta minuti di volo in più

Gli spazi aerei chiusi durante la notte sono nel frattempo stati aperti e possono nuovamente essere utilizzati dai voli commerciali. Ma Swiss continuerà a evitare i cieli iraniani fino a giovedì prossimo (18 aprile), come si legge in una nota diffusa domenica dalla compagnia aerea. Questo significa che il tempo di volo tra Zurigo e Hong Kong, Bangkok, Singapore, Delhi e Mumbai aumentano attualmente di novanta minuti.

In seguito a un’analisi della situazione in Medio Oriente, altre rotte non vengono invece servite da Swiss: si tratta dei collegamenti con Beirut, in Libano (al momento sospesi fino a giovedì 18 aprile compreso), e con Tel Aviv, in Israele (fino a lunedì 15 aprile compreso).

“I nostri collaboratori a Tel Aviv stanno bene”

Swiss ha fatto inoltre sapere che i collaboratori a Tel Aviv “sono al sicuro e stanno bene”. Si tratta di sette dipendenti che nello scalo israeliano sono responsabili della manutenzione degli aeromobili e della gestione dei voli della compagnia aerea elvetica filiale di Lufthansa. “Siamo in costante contatto con il nostro personale locale e stiamo cercando di proteggerlo e sostenerlo al meglio nel caso in cui la situazione dovesse ulteriormente peggiorare: la sicurezza dei nostri dipendenti e dei nostri passeggeri ha sempre la massima priorità” assicura il direttore operativo Oliver Buchhofer, citato nella nota.

Attacco iraniano contro Israele

Telegiornale 14.04.2024, 12:30

  • Oliver Buchhofer
  • Tel Aviv
  • Zurigo
  • Libano
  • Beirut
  • Swiss
  • aviazione

Correlati

Ti potrebbe interessare