Svizzera

Zecche svizzere più pericolose di quanto immaginato

L’Università di Zurigo (UZH): “Potenzialmente quasi tutti questi parassiti possono trasmettere una malattia”

  • 13 November 2023, 21:25
  • INFO
Le fasi di sviluppo della zecca

Le fasi di sviluppo della zecca

  • ©ZHAW
Di:ATS/RSI Info

Le zecche presenti in Svizzera sono più pericolose di quanto ritenuto finora. Ricercatori dell’Università di Zurigo (UZH) hanno dimostrato, in uno studio pubblicato oggi (lunedì) sulla rivista scientifica Plos One, la presenza di virus e batteri nella maggior parte degli esemplari presenti sul territorio della confederazione.

Tra gli agenti patogeni, gli esperti hanno individuato nelle zecche nostrane anche il virus Alongshan (ALSV), scoperto solo qualche anno fa. Secondo l’indagine, sarebbe presente in quasi il doppio dei parassiti (7,6%) rispetto alla più ben nota meningoencefalite da zecche (TBE), individuata nel 4,2% degli esemplari.

Tuttavia, non è ancora chiaro quanto sia pericoloso l’ALSV. “La scoperta di questo virus è talmente recente che non è ancora possibile dire con esattezza in che misura possa essere rilevante per la salute della popolazione svizzera”, ha dichiarato Cornel Fraefel, virologo presso l’UZH che ha preso parte alla ricerca. Secondo uno studio condotto in Cina, dove il virus è stato scoperto per la prima volta nel 2017, i sintomi sarebbero però simili a quelli manifestati in caso di TBE.

“Siamo rimasti sorpresi dal numero di zecche in cui sono stati individuato batteri”, ha detto Fraefel. Ad esempio, il 77,2% dei parassiti esaminati è risultato positivo ad almeno un patogeno non virale. Nelle aree urbane il tasso è di addirittura l’83,9%. Ciò significa che “potenzialmente quasi tutte le zecche possono trasmettere una malattia”, ha sottolineato Fraefel. “In molte zecche abbiamo rilevato una serie di agenti patogeni diversi, presenti contemporaneamente nei medesimi esemplari”.

Il genere di batteri riscontrati più di frequente sono le cosiddette rickettsie, che possono scatenare l’anaplasmosi, un’infezione che si manifesta con sintomi quali febbre, brividi e mal di testa.

Il genere batterico Borrelia - noto agente della malattia di Lyme e affini - è stato individuato invece nell’8,2% delle zecche presenti in aree urbane e nell’1,9% in quelle prelevate in zone rurali.

Svizzera, aumentano le zecche

Telegiornale 22:00 di sabato 09.04.2022

  • 09.04.2022
  • 20:00

Pericolo zecche in Svizzera

Telegiornale 22:00 di sabato 17.04.2021

  • 17.04.2021
  • 20:00

SEIDISERA DEL 13.04.2023: 2023: l'anno delle zecche in Svizzera

  • 13.04.2023
  • 16:33

Notiziario delle 21:00 del 13.11.2023

  • 13.11.2023
  • 20:30

Correlati

Ti potrebbe interessare